La BoJ non cambia idea, le borse ringraziano

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi16 giugno 2017 | 10:37

LA BOJ NON CAMBIA STRADA – Secondo Haruhiko Kuroda, governatore della Bank of Japan (BoJ), è ancora troppo presto per discutere di un piano di uscita dagli stimoli monetari che attualmente la banca centrale giapponese ha in essere. L’annuncio, che segue la conferma dei tassi d’interesse e del programma di “quantitative easing” da parte della BoJ, come da attese, contribuisce a indebolire lo yen contro dollaro ed euro e fa risalire il Nikkei225 a 19.943,26 yen (+0,56%), consentendo anche a Hong Kong di chiudere la settimana con un ultimo lieve recupero (+0,13%).

BORSE EUROPEE PARTONO IN RIALZO – In Europa l’avvio di giornata è ugualmente positivo con l’Eurostoxx50 a +0,57% che vede blue chip come Vivendi, Air Liquide, Societe Generale, Bnp Paribas, Safran, Danone, Axa, Deutsche Bank e Saint Gobain oscillare tra uno e due punti di guadagno, mentre in rosso vi sono solo Ahold che perde l’1,6%, Crh poco sopra il mezzo punto di perdita e Bayer che oscilla appena sotto la chiusura di ieri.

IN LUCE PARIGI, MADRID E MILANO – Tra le singole piazze europee vola Parigi (+0,85%) in attesa del secondo turno delle elezioni per il rinnovo del parlamento che dovrebbero garantire al governo nominato da Emmanuel Macron un’ampia maggioranza. Bene anche Francoforte (+0,39%) e Londra (+0,26%), con Madrid (+0,44%) e Milano (+0,56%) che beneficiano del rimbalzo dei titoli bancari e di un generale tono più disteso che favorisce il restringimento dello spread tra i titoli di stato dell’area dell’euro e il recupero dei listini periferici.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Giappone, dimissioni anticipate a marzo per il governatore della Boj

Ti può anche interessare

Trading e consulenza, questa sera su Bfc Events

Nuova puntata del format in onda su Rete Economy ...

Ai fondi sovrani piacciono le quotate

Secondo il primo rapporto annuale dell'International Forum of Sovereign Wealth Funds prodotto in col ...

Fondi, top e flop del 18/12/18

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...