Le vendite prevalgono anche in Europa

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 14 Marzo 2014 | 12:28
Le vendite prevalgono anche in Europa, complice l’avvicinarsi del referendum secessionista in Crimea. Qualche blue chip riesce però a rimbalzare dalle chiusure di ieri

EUROPA INDIETRO TUTTA – Il timore che la situazione in Crimea possa rapidamente deteriorarsi a partire da domenica sera suggerisce agli investitori di alleggerire ulteriormente le posizioni sui mercati europei, partendo da titoli e settori più esposti alla crisi geopolitica in atto o che hanno maggiormente corso nelle ultime sedute. Così se Londra segna -0,38%, Parigi perde lo 0,97%, Francoforte oscilla a -0,60%, mentre Madrid lascia sul terreno l’1,80% e Milano è a -1,57%.

RIMBALZANO POCHE BLUE CHIP – Dal canto suo l’Eurostoxx50 lascia sul terreno lo 0,98%, nonostante i discreti rialzi di Deutsche Post, Siemens e Bayer che rimbalzano di oltre un punto dalle chiusure di ieri. Bene anche Basf, Iberdrola, Total e Unilever, mentre i cali più marcati stamane toccano a Societe Generale, Crh, Bnp Paribas, ING Groep, Bmw, Orange e Philips.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

EuroStoxx50 in stand by in area 3.500 punti

EuroStoxx50 a fine corsa?

Ftse Mib o EuroStoxx50? Ecco le nuove strategie di Vontobel Certificati

NEWSLETTER
Iscriviti
X