Piazza Affari chiude in ripresa grazie alle banche e a Fca

A
A
A
di Luca Spoldi 26 Gennaio 2016 | 17:50
A Milano le banche tornano a salire nella speranza di un accordo Italia-Ue sul tema delle sofferenze. Bene anche Fca, che domani diffonderà i dati di bilancio, Saipem ancora in rosso

MILANO CHIUDE IN RIALZO – Dopo qualche incertezza il prezzo del petrolio si riporta sopra i 31 dollari al barile e le borse, molto volatili per tutta la mattinata, possono tirare un sospiro di sollievo riprendendo il loro recupero. Piazza Affari è tra le migliori in Europa e vede il Ftse Mib guadagnare l’1,51%, il Ftse Italia All-Share segnare +1,34% e il Ftse Italia Star recuperare lo 0,51%, mentre il Ftse Aim Italia si accontenta di un 0,30%.

BENE LE BANCHE E FCA, CONTINUA IL CALO DI SAIPEM – Tra le blue chip rimbalzano con decisione Ubi Banca (+8,6%) e Banco Popolare (+6,2%) mentre a Bruxelles è in corso l’incontro tra il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, e la commissaria Ue alla Concorrenza, Margrethe Vestager, per cercare un accordo sul tema della “bad bank” e delle sofferenze bancarie. Bene anche Fiat Chrysler Automobiles (+6,1%), in attesa dei risultati 2015 che saranno diffusi domani. Ancora una giornata disastrosa per i diritti per l’aumento di capitale Saipem, che hanno ceduto il 29% a 2,084 euro l’uno senza essere mai entrati in trattazione. Deboli anche Generali e Mps entrambi sul 3% di perdita, e la stessa Saipem, in rosso di un punto a fine giornata ma in deciso recupero rispetto alla mattinata quando il titolo aveva sfiorato il -10%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti