Non basta Mps a tenere a galla Piazza Affari stamane

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 26 Settembre 2016 | 09:47
Borsa italiana in deciso calo in avvio di settimana complice le incertezze di dollaro e petrolio. Mps in ripresa, male Saipem. Tra i titoli minori brilla Leone Film Group

AVVIO DI SETTIMANA IN ROSSO – La settimana si apre all’insegna di nuove prese di profitto sui principali listini azionari mondiali, complice da un lato l’indebolimento del dollaro, che pesa sullo yen giapponese e deprime la borsa di Tokyo (indice Nikkei225 a 16.544,56 yen stamane, con una chiusura in rosso dell’1,25%), dall’altro dalla debolezza del petrolio che continua a frenare i titoli del comparto anche in Europa (Saipem a Milano perde oltre 5 punti percentuali danzando sulla soglia dei 35 centesimi di euro per azione).

IN BORSA BRILLA MPS, CADE SAIPEM – Così a metà mattinata in borsa a Milano l’indice Ftse Mib perde l’1,79%, il Ftse Italia All-Share è in rosso dell’1,65% mentre il Ftse Italia Star limita i danni (-0,57%). Tra le blue chip della borsa italiana si notano comunque i rimbalzi decisi di Mps (che sfiora il 5% di recupero) e Recordati (+2,33%). Stabile Italcementi, mentre ampi ribassi sono segnati, oltre che da Saipem, anche da Unicredit, Unipol, Mediobanca ed Exor, tutte ampiamente sopra i tre punti percentuali di perdita.

NOVITA’ IMPORTANTI PER LEONE FILM GROUP – Tra i titoli minori, vola Leone Film Group, attualmente sospeso al rialzo con un prezzo teorico di 2,35 euro per azione (+19% sulla chiusura di venerdì scorso), dopo la notizia dell’ingresso nel capitale, con una quota del 10,6% rilevata al prezzo di 4 euro per azione da Andrea e Raffaella Leone e da Antonio Belardi da parte di Maite Bulgari, moglie di Paolo Bulgari e regista spagnola attiva nelle produzioni tv attraverso Anthos Produzioni. La signora Bulgari assumerà anche la carica di vicepresidente mentre i due gruppi hanno siglato un accordo per lo sviluppo e la produzione congiunta di contenuti tv in particolare nel settore delle fiction. A seguito dell’operazione Andrea e Raffaella Leone detengono il 30,7% (dal precedente 35,7%) di Leone Group, mentre Andrea Belardi scende dal 5,2% al 4,5%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Risiko bancario, quattro banche per tre ipotesi

Mps e derivati, condanna per Profumo e Viola

Axa Im pesca il Jolly italiano

Widiba, il consulente milionario tra bonus e incentivi

Mps, nuovo deal con Illimity sugli npl

Officina Mps: al via la call sull’open banking

Mps, Mussari e Vigni condannati a 7 anni

Mps, rallentano utili e ricavi

Rendiconti ex Mifid 2 e trasparenza, Mps in prima linea

Mps, avanti con la ristrutturazione della rete

Cardamone, da Widiba alla consulenza

Banche, il risveglio dei bond

Addio a Mario Incrocci, nome storico delle reti

Mps, exit strategy del Mef

Mps, boom del bond

Mps, i pm chiedono 8 anni per Mussari

Mps, pulizia da 8 miliardi

Mps e i preparativi per le nozze

Mps, i 2 paperoni di Widiba

Diamanti in banca, partono i rimborsi

Truffa diamanti, “margini fino al 18% per la banche”

Mps, Morelli apre ad una alleanza

Mps valuta il bond rateizzato

Mps torna sul mercato, bond da 750 mln

Competenze, competizione e crescita per il private di Mps

Mps torna sul mercato

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Proseguono le “pulizie” in casa Mps

Mps-Axa, ecco la fusion tra unit linked e gestione separata

Mps, avanti sulla cartolarizzazione delle sofferenze

Pasquini al vertice di Mps Leasing & Factoring

Mps, il private si tinge di Candriam

Si riempie l’Officina Mps

NEWSLETTER
Iscriviti
X