Btp, le incognite del nuovo anno 

A
A
A
di Marcello Astorri 31 Dicembre 2018 | 11:24
Per i titoli di Stato italiani sarà decisivo il primo semestre 2019. Superati i potenziali eventi traumatici, potrebbero poi conoscere un rally. Ma l’incertezza rimane

Il 2019 dei Btp italiani inizierà con le stesse domande e incertezze del 2018. Quello che si sta per chiudere, infatti, è stato un anno di estrema volatilità per i titoli di Stato italiani. Le tensioni tra il governo di Roma e Bruxelles hanno surriscaldato lo spread tra Btp e Bund, portandolo a sfondare ampiamente la quota dei 300 punti base dopo che ad aprile si era abbassato fino a 113. Nel finale dell’anno, con l’accordo raggiunto sul deficit al 2,04%, il differenziale si è sgonfiato in zona 250 punti.

Ma cosa riserverà il 2019? Per Milano Finanza sarà fondamentale il primo semestre: se l’Italia supererà indenne la fine del Quantitative easing all’1 gennaio, la guerra dei dazi e la fine della tregua datata 1 febbraio, la Brexit di marzo e le elezioni europee di maggio, sempre che riesca a reggere il governo Movimento 5 stelle-Lega, allora i Btp potrebbero vivere un rally interessante. Ma al momento si è solo nel campo delle ipotesi. Di certo, per ora, c’è solo l’incertezza.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, ecco perchè i Btp sono irresistibili

Bot People, la disfatta della superstar degli anni ’90

Investimenti, Btp e Bund: prospettive tra aumento dello spread e rendimenti in salita

NEWSLETTER
Iscriviti
X