Oro, avanti tutta con la strategia di zio Paperone

A
A
A
di Hillary Di Lernia 2 Gennaio 2020 | 11:52

Miglior performance da nove anni per il metallo giallo, che nel 2019 ha avuto rendimenti superiori al 22%, superando quota 1450 dollari l’oncia. Secondo alcuni analisti il 2020 dovrebbe rivelarsi addirittura migliore, con un valore che potrebbe superare la soglia psicologica di 1500 dollari l’oncia, e nel giro di due-tre anni potrebbe anche battere il massimo storico di 1900.

Una caccia all’oro che sembra non arrestarsi quindi, tanto che Goldman Sachs ha lanciato l’allarme sul cosiddetto “oro invisibile” e la conseguente “strategia di zio Paperone”, ovvero un’ingente quantità d’oro sta iniziando a scomparire dato che chi ne ha la possibilità ne compra sempre di più e lo mette al sicuro in vista di una possibile crisi internazionale.

Ad ogni modo, il bene rifugio per l’eccellenza si dimostra essere una strategia vincente per questo nuovo anno, soprattutto in un contesto di tassi zero e di money market sotto stress, come sottolinea Giacomo Andreoli, ad di Confinvest.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: l’oro non è più solo un bene rifugio

Mercati, oro: boom di acquisti per le banche centrali

Investimenti: l’inflazione tornerà a far brillare l’oro

NEWSLETTER
Iscriviti
X