Da SG un certificato sulle società del settore Pharma e Biotech con rumors di M&A

A
A
A
di Finanza Operativa 16 Luglio 2015 | 10:00

Dal oggi, 16 luglio, Société Générale, quota sul mercato SeDeX di Borsa Italiana il primo certificato che offre un’esposizione a una selezione, a livello globale, di azioni dei settori Pharma & Biotech che si ritiene possano essere coinvolte in operazioni di M&A (fusioni e acquisizioni) con altre società.

SG Certificate su M&A Pharma e Biotech (codice Isin XS1236466063, scadenza 22 dicembre 2017) non solo permette di investire in settori che stanno beneficiando di trend di lungo periodo a livello globale (cambiamenti demografici, miglioramento delle condizioni medie di vita e del benessere generale, aumento della classe media) ma, al suo interno, seleziona i titoli di società che potrebbero essere target in operazioni di fusione e acquisizione e che potrebbero in tal caso incrementare il prezzo dei propri titoli, offrendo quindi un secondo motore di performance.

Il certificato replica l’indice Solactive Pharma & Biotech Opportunity Index, composto dalle 30 società con la più alta crescita media delle vendite negli ultimi tre anni e un market to book value positivo, ma al di sotto della media di mercato. A questi due criteri – che rendono le società appetibili per operazioni di M&A – se ne aggiungono altri due: una capitalizzazione di mercato tra 2 e 20 Mld USD e una buona liquidità, con scambi medi giornalieri non inferiori ai 5 Mln di dollari negli ultimi 3 mesi. All’interno dell’indice, che viene rivisto trimestralmente, i titoli sono tutti equiponderati.

La metodologia dell’indice, completa anche delle informazioni relative agli aggiustamenti derivanti da eventi straordinari che coinvolgono le società di riferimento, è disponibile sul sito internet www.solactive.com.

“La peculiarità di questo strumento – ha dichiarato Marcello Chelli, Co-Head Distribution di Societe Generale in Italia – risiede nel suo doppio motore di performance: da una parte l’esposizione a società appartenenti a settori estremamente promettenti (Pharma e Biotech) e dall’altro la ricerca di titoli potenzialmente oggetto di operazioni di fusione e acquisizione che potrebbero incrementarne il prezzo. Quindi ad un approccio di investimento di lungo termine si somma un approccio tattico di breve / medio termine”.

Il certificato è disponibile su Borsa Italiana e ha scadenza 22 dicembre 2017. La liquidità del certificato è fornita dall’attività di market making di Societe Generale.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, moda e lusso si rifanno il trucco. Il certificato per approfitarne

Exane Derivatives lancia il primo indice Esg cattolico nel fixed income

Da Cirdan un nuovo certificato su paniere di azioni “Stay at home”

NEWSLETTER
Iscriviti
X