Un successo l’evento di formazione gratuita sui certificati promosso da Exane Derivatives a Palermo

A
A
A
di Finanza Operativa 17 Giugno 2016 | 08:32

Si è svolto ieri a Palermo il 4° appuntamento del ciclo di eventi formativi gratuiti sul mondo dei certificati promossi da Exane Derivatives, filiale del Gruppo Exane che vanta un’esperienza sui mercati finanziari da più di 25 anni, in collaborazione con Certificati e Derivati.

L’agenda della giornata prevedeva un’immersione a 360° gradi nel mondo dei certificati con l’obiettivo di promuovere la conoscenza di questo strumento d’investimento che «grazie alla sua flessibilità in termini di pay-off, orizzonte d’investimento e sottostante, è uno strumento a misura dell’investitore» secondo Melania D’Angelo, Responsabile del Team Commerciale di Exane Derivatives in Italia e in Ticino.

Dopo l’apertura dei lavori da parte di Melania D’Angelo, Pierpaolo Scandurra, Direttore del Certificate Journal, ha spiegato, nel corso della mattinata, i concetti di base necessari per comprendere il funzionamento di un certificato soffermandosi sulle varie macro-categorie. Grazie alla sua elevata esperienza e alla sua conoscenza approfondita del mercato dei certificati, Scandurra ha, inoltre, presentato alla platea degli addetti ai lavori le differenti soluzioni presenti sul mercato italiano.

Nella seconda parte della mattina, la parola è passata a Melania D’Angelo che ha presentato Exane Index, la gamma di indici proprietari del Gruppo Exane che associa idee fondamentali, convinzioni forti e cross-expertise su temi d’investimento ad elevato valore aggiunto. In occasione del suo intervento, la Responsabile del Team Commerciale di Exane Derivatives in Italia e in Ticino ha, inoltre, illustrato le caratteristiche dei certificati con pegno, una soluzione innovativa creata da Exane Derivatives per esporsi ai certificati emessi da Exane Finance coprendo il rischio emittente.

Nel pomeriggio, protagonista dell’evento è stato nuovamente Scandurra che ha identificato i pay-off più interessanti nell’attuale contesto di mercato. Tra questi, un posto d’onore spetta alla gamma Crescendo Rendimento di Exane Derivatives sviluppata dalla società transalpina per far fronte alla ricerca di rendimento degli investitori in un mondo a tassi zero. Ribattezzata «Exanone» dalla comunità finanziaria, la gamma, inizialmente composta da certificati con cedole soggette al verificarsi di una condizione, scadenza massima con finestre di rimborso anticipato e possibilità di protezione del capitale a scadenza, si è arricchita nel tempo di meccanismi che incidono sulle cedole (effetto Memoria, effetto Double e effetto Triathlon) e sul rimborso a scadenza con la nascita della variante «Exanini» che, attraverso barriere europee particolarmente conservative, permettono di catturare il rendimento che il mercato non paga, della variante «Exanoni di quarta generazione» che presentano a scadenza una protezione del capitale investito secondo un livello determinato all’emissione e della variante «Crescendissimo» che presenta una cedola mensile garantita. Attraverso tale gamma, gli investitori, supportando un rischio in conto capitale e un rischio di credito relativo all’emittente, hanno, dunque, la possibilità di esporsi a soluzioni d’investimento frutto di una Ricerca ad elevato valore aggiunto e con cedole periodiche garantite e condizionate scegliendo tra diversi gradi di rendimento e di protezione.

La giornata di ieri rappresenta, dunque, un ulteriore successo per Exane Derivatives che è sempre più convinta della «necessità di promuovere momenti di confronto per favorire lo sviluppo di una cultura finanziaria» come aggiunto in conclusione da Melania D’Angelo, Responsabile del Team Commerciale di Exane Derivatives in Italia e in Ticino.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Certificati, IG: ecco il “termometro del trading” del 3° trimestre

Certificati, da Cirdan Capital sei nuovi Tracker Delta One

Certificati e distribuzione, Consob chiarisce i dubbi

NEWSLETTER
Iscriviti
X