Investimenti: nel secondo trimestre la parola d’ordine sarà stock picking

A
A
A
di Redazione 6 Aprile 2021 | 16:03

“I mercati si stanno già adattando all’idea di una crescita post-COVID, e crediamo che le aziende che possono sovraperformare ora siano quelle in grado di produrre utili”. Ad affermarlo è Nigel Bolton, Cio of Fundamental Equities di Blackrock, che di seguito dettaglia la propria view e il proprio outlook per il secondo trimestre.

Prevediamo una crescita significativa dell’economia globale una volta che la crisi Covid si sarà attenuata e i lockdown verranno meno.

Le azioni a valore ciclico strettamente legate alla crescita economica – trascurate per un decennio e penalizzate dalla pandemia – dovrebbero continuare a beneficiare di questo trimestre di ripresa delle economie. Molti di questi titoli hanno già registrato guadagni significativi negli ultimi sei mesi, rendendo le valutazioni meno attraenti. Allo stesso tempo, alcune delle aziende che sono cresciute rapidamente grazie all’innovazione tecnologica – una tendenza a lungo termine accelerata dalla pandemia – hanno ottenuto migliori valutazioni dopo che gli investitori hanno modificato i loro portafogli favorendo questo tipo di azioni.

L’efficacia dei vaccini ha permesso ai mercati di guardare oltre la crisi del COVID-19 a un mondo post-pandemia in crescita. Vediamo opportunità d’investimento future legate non tanto ai grandi trend di settore, quanto piuttosto alle specificità e caratteristiche delle aziende e alla loro capacità di produrre utili.

Tre temi chiave per il secondo trimestre:

Rimanere selettivi all’interno dei ciclici: crediamo che la chiave per sovraperformare sarà la capacità di produrre utili positivi – e questo potrebbe accadere in tutti i settori del mercato. Un percorso favorevole: il potere dei prezzi permetterà di trasferire l’aumento dei costi ai clienti. I venditori di materie prime come il rame sono in una posizione di forza, poiché la spesa “verde” promessa dai governi aumenta la domanda. I produttori di cemento possono aumentare i prezzi, perché l’offerta rimane controllata e la domanda aumenta nel mezzo di un’ampia spesa per le infrastrutture. Ci piacciono anche le aziende posizionate per beneficiare di una crescita maggiore nella domanda dei consumatori.

I vincitori che continuano a vincere: gli investitori dovrebbero guardare oltre lo stile e il settore a favore delle specificità aziendali. Le valutazioni di molti titoli nel periodo  pre-pandemia che hanno beneficiato ulteriormente delle tendenze accelerate dal COVID – come le aziende tecnologiche e delle energie rinnovabili – si sono ridotte dai livelli alti del 2020, rendendole più interessanti per gli investitori di lungo termine. Gli investimenti in IT e cloud computing dovrebbero rimanere elevati dopo la pandemia, dato che il lavoro a distanza part-time diventerà la nuova normalità. Le aziende che possono aiutare con la digitalizzazione sembrano ben disposte a conquistare quote di mercato e a portare risultati importanti. I marchi di abbigliamento che possono vendere direttamente ai consumatori online dovrebbero guadagnare clienti, dato che questa tendenza continuerà anche con la riapertura dei negozi.

La rivoluzione elettrica: la domanda di veicoli elettrici sta creando buone opportunità nei settori dei veicoli elettrici (EV). Il numero di semiconduttori in un powertrain EV può raggiungere fino a 10 volte quello di un’auto convenzionale di fascia media. La fornitura di semiconduttori è stata intaccata da interruzioni durante la crisi. Alcune aziende di semiconduttori hanno dato priorità ad un mercato più speculativo come quello degli auricolari 5G nell’esatto momento in cui la produzione di automobili stava riprendendo a crescere dopo l’arresto legato alla pandemia. Questo significa che le aziende di semiconduttori sono state in grado di aumentare i prezzi fino al 50% – costringendo alcune case automobilistiche a concentrarsi su SUV più redditizi con motori a combustione e a tagliare i modelli di fascia bassa. Una potenziale implicazione: I produttori di auto potrebbero avere difficoltà a soddisfare i requisiti di emissioni di CO2 del 2021, spingendoli a produrre più EV nel corso dell’anno.

Con l’inizio del secondo trimestre e una crescita economica che non si vedeva dal 2005, le azioni sono destinate a trarne beneficio, ma ci aspettiamo molte sfumature a livello di singoli titoli e la possibilità che una selezione attiva guidi la performance.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

BlackRock arruola Ghizzoni (come consulente)

Top 10 Bluerating: BlackRock domina sempre il fintech

Etp, continua la rotazione verso i difensivi

NEWSLETTER
Iscriviti
X