Criptovalute: le novità del Mef sulla fiscalità in Italia

A
A
A
di Redazione 1 Novembre 2021 | 13:01

Quando si parla di criptovalute, crypto-asset e fisco in Italia, il quadro normativo di riferimento resta tutt’altro che chiaro. E il fatto che molti consulenti e professionisti si siano appiattiti passivamente su alcune indicazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate di sicuro non aiuta ad eliminare i molti dubbi, come riportato da Cryptonomist.ch.

Le novità del Mef

Situazione questa, che potrebbe complicarsi con l’arrivo di alcune norme che impattano sul fronte del monitoraggio e della privacy. Sul quadro di incertezza normativa incombe la definitiva approvazione decreto del MEF su “modalità e tempistica con cui i prestatori di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale e i prestatori di servizi di portafoglio digitale sono tenuti a comunicare la propria operatività sul territorio nazionale”.

Stando alle anticipazioni, dovrebbero essere introdotti a carico degli exchange che opereranno in Italia, obblighi di monitoraggio trimestrale e di periodica comunicazione dei dati delle operazioni della loro clientela servizi all’Oam, l’Organismo che gestisce gli elenchi di agenti e mediatori creditizi. Dati che sarebbero pienamente accessibili a GdF e forze dell’ordine.

A questo si deve aggiungere che l’art. 9 del decreto capienze, solleva le pubbliche amministrazioni da una serie di obblighi che fino ad oggi hanno protetto i dati dei contribuenti. Inoltre, viene abrogato l’art. 2 del Dlgs. 196/2003, che attribuiva al Garante per la privacy il potere di intervenire e di imporre specifiche misure alla pubblica amministrazione in caso di attività di raccolta e trattamento eccessivamente sproporzionate.

Con la giustificazione del contrasto all’evasione si preclude al contribuente l’esercizio di una serie di diritti riconosciuti in base al GDPR come:

  • l’accesso ai dati trattati (art. 15);
  • il diritto alla rettifica (art. 16),
  • alla cancellazione e all’oblio (art. 17),
  • alla limitazione del trattamento (art. 18);
  • il diritto ad ottenere notifica di rettifiche, cancellazioni e limitazioni del trattamento (art. 19);
  • il diritto alla portabilità dei dati trattati (art. 20).

Soprattutto potranno essere esclusi anche il diritto di opposizione al trattamento mediante profilazione (art. 21), e il diritto di non essere sottoposto a una decisione basata unicamente sul trattamento automatizzato, che produca effetti giuridici che lo riguardano o che incida significativamente sulla sua persona (art. 22), sempre come riportato da Cryptonomistr.ch.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X