Fondi: l’Europa si conferma il motore della finanza sostenibile

A
A
A
di Redazione 22 Giugno 2022 | 11:15

L’Europa rimane il motore chiave della finanza sostenibile, forte dell’83% del patrimonio netto dei fondi sostenibili globali. E’ quanto emerge dal secondo studio annuale sui fondi di investimento sostenibili europei di Morningstar e Zeb, promosso dall’Associazione dell’industria dei fondi lussemburghesi (ALFI).

Lo studio ha rilevato che il patrimonio netto in prodotti di fondi sostenibili basati sulla rigida definizione di sostenibilità di Morningstar ha raggiunto quasi due trilioni di euro alla fine del 2021, con un aumento del 71% rispetto al 2020. Questo studio mira a fornire un’istantanea su come gli obiettivi di sostenibilità e i rispettivi interventi legislativi stanno plasmando l’industria dei fondi in Europa e ad analizzare il ruolo, la competitività e il posizionamento dei diversi domicili all’interno di questo ambiente in dinamica evoluzione.

È il secondo di una serie di studi condotti regolarmente sulla base di un approccio analogo per monitorare lo sviluppo dinamico e le tendenze del settore dei fondi sostenibili europei.

Marc-André Bechet, Vice Direttore Generale di ALFI, ha commentato: “La finanza sostenibile è a un bivio e il 2022 porterà a un momento di verità. Sebbene vi sia una reale volontà del settore dell’asset management di affrontare le sfide della finanza sostenibile e una forte domanda da parte degli investitori al dettaglio e istituzionali, la realtà è che, finora, i fondi che perseguono uno o più obiettivi ambientali non sono stati realmente in grado di mostrare le loro vere credenziali. Tuttavia, le aziende stanno ora iniziando a riferire sull’allineamento delle loro attività in linea con il regolamento sulla tassonomia e, per coloro che non lo fanno ancora, la rendicontazione sarà richiesta dal 2023 e dal 2024 in poi. Che credo sia un passo avanti fondamentale”.

Hortense Bioy, Global Director of Sustainability di Morningstar ha dichiarato: “Sin dalla sua introduzione nel marzo 2021, SFDR ha agito da catalizzatore per lo sviluppo dei prodotti e l’innovazione nello spazio dei fondi sostenibili europei. Sarà affascinante vedere come la regolamentazione continua a plasmare il paesaggio. Le modifiche alla MiFID II che entreranno in vigore ad agosto e che richiedono ai consulenti finanziari di considerare le preferenze di sostenibilità dei loro clienti hanno il potenziale per accelerare l’adozione di investimenti sostenibili tra gli investitori al dettaglio. Nonostante tutte le preoccupazioni sul greenwashing, i nostri dati mostrano che l’interesse degli investitori per le strategie ESG e sostenibili è ancora in crescita”.

Carsten Wittrock, Partner di Zeb, ha aggiunto: “Il nostro nuovo studio conferma le previsioni che abbiamo fatto nella nostra edizione precedente: il passaggio del settore verso la sostenibilità sta procedendo ad alta velocità nonostante un ambiente geopolitico e normativo dinamico senza precedenti. Anche se c’è ancora molta strada da fare prima che il pieno potenziale del settore dei fondi nel sostenere il necessario processo di trasformazione delle economie verso una maggiore sostenibilità si scateni, è lecito concludere che le tendenze evidenziate continueranno, nonostante la discussione critica sul ruolo e sulla gestione della sostenibilità da parte dei singoli gestori patrimoniali, sulla continua necessità di chiarire i fattori di sostenibilità e sulla loro corretta attuazione e sulle recenti battute d’arresto nell’affrontare il cambiamento climatico a causa del tragico conflitto in Ucraina e delle sue drastiche conseguenze non solo per le persone ma anche l’economia globale.

Altri temi e risultati della ricerca sono stati:

L’azionario rimane la classe di attività dominante dei fondi sostenibili in tutte le sedi europee, rappresentando oltre il 60% degli asset sostenibili gestiti dai fondi. Seguono a fine 2021 reddito fisso (20%) e fondi di allocazione (15%). Ciò differisce in modo significativo rispetto alla sfera dei fondi convenzionali in cui la quota di fondi azionari rappresenta solo il 48% del patrimonio netto. Questa disparità nei fondi sostenibili è probabilmente dovuta alla possibilità più favorevole di impegnarsi nella gestione dell’influenza nell’influenzare il comportamento delle aziende verso gli obiettivi di sostenibilità.

Le strategie passive sostenibili continuano a essere popolari: alla fine del 2021 rappresentavano circa il 27% del patrimonio netto dell’universo dei fondi sostenibili europei, una percentuale superiore al 21% osservato nell’ambito convenzionale. Ciò si confronta con un patrimonio netto passivo di circa 139 miliardi di EUR nel 2019, un aumento di quasi il 280% rispetto a solo il 25% circa nel settore dei fondi convenzionali nel periodo dal 2019 al 2021. Sembra che la gestione passiva stia passando dalla gestione tradizionale e semplice vaniglia approcci alla sostenibilità.

Un mercato continuamente dominato da grandi attori con un’elevata concentrazione nel settore dell’asset management ancora più elevata nel segmento dei fondi sostenibili. In media il 51% del patrimonio netto dei fondi attivi sostenibili in Europa è stato investito in fondi lanciati dai primi 20 fornitori rispetto a solo il 43% circa dei fondi convenzionali. In termini di hub di fondi unici, Lussemburgo e Irlanda mostrano un forte posizionamento dei principali fornitori di fondi in entrambi i mercati. I primi 5 gestori patrimoniali coprono circa il 32% del patrimonio netto in fondi sostenibili domiciliati in Lussemburgo.

Colmare il divario: quali sono i blocchi stradali negli Stati Uniti e in Asia: nonostante il notevole interesse per la sostenibilità negli Stati Uniti, la precedente decisione del governo statunitense di ritirarsi dall’Accordo di Parigi sul clima ha probabilmente spinto investitori, azionisti e autorità di regolamentazione a spostare la sostenibilità verso il fondo l’agenda. La firma del presidente Biden nel 2021 per rientrare nell’accordo sul clima è un passo importante verso un obiettivo globale comune, anche se la precedente deviazione potrebbe aver fatto perdere terreno agli Stati Uniti nella loro corsa verso lo zero netto. Nel frattempo, in Asia, manca un quadro ESG basato su classificazioni o divulgazioni che consenta la standardizzazione e il benchmarking nei mercati.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X