Niente tasse per chi investe in startup?

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio13 luglio 2018 | 07:38

Non fosse per l’autorevolezza della fonte, finirebbe in archivio come una delle tante proposte che quotidianamente girano sul mercato. E invece Leone Pattofatto, chief strategic equity officer di Cassa Depositi e Prestiti, in occasione di ‘EY Manufacturing Lab, ha indicato la necessità di una ricetta shock per sostenere l’innovazione in Italia, vale a dire “defiscalizzare l’acquisto di start up innovative da parte delle aziende”. Una ricetta, ha sottolineato, che potrebbe risultare “qualcosa che aiuta la crescita per linee esterne di acquisizione di tecnologie innovative”.

Il tema, da tempo dibattuto nel nostro Paese, è quello della carenza di risorse economiche per sostenere chi ha buone idee imprenditoriali e si trova a competere in un mercato in cui le dimensioni diventano sempre più importanti per competere. La fiscalità è una delle leve più forti per convincere gli investitori istituzionali e i clienti del private banking a orientare i propri investimenti, a maggior ragione in una fase come questa caratterizzata dal ritorno della volatilità nelle principali asset class.

Secondo l’esperto, rispetto alle politiche per incentivare la digitalizzazione delle imprese, “è stato fatto molto negli ultimi anni”, con riferimento al supporto alle start up innovative. Quindi ha ricordato il ruolo di Cdp: “Siamo un investitore finanziario e dunque con i nostri interventi , 600 milioni di investimenti per innovazione e venture capital, abbiamo cercato di facilitare questi processi, mettendo dunque capitale a lavorare per aiutare le aziende da una parte a investire in innovazione e poi a crescere, perché soltanto attraverso la crescita si può competere ed essendo più grandi si può investire di più in innovazione e si possono fare anche acquisizioni di realtà esterne e avere un ruolo proattivo nel corporate venture capital”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, top e flop del 23/01/19

Consulenza, l’alba dell’era dell’open banking

Etf, Ubs AM amplia la gamma sostenibile

Albo, 110 (indipendenti) e lode

Investimenti: il biotech vale una scommessa

Jupiter AM, un ex Janus Henderson al comando

Investimenti: trimestrali USA in chiaro scuro

Assogestioni: un aiuto interpretativo sui nuovi Pir

Doppietta di gestori per Robeco

Fondi, top e flop del 21/1/2019

Investimenti: il 2019 inizia col sorriso

Bluerating News del 16/1/18: ecco tutti i protagonisti

Mediolanum: l’impasse sui Pir potrebbe costare caro

Scene da una Brexit

Pictet: due alternative per guadagnare a inizio 2019

5 proposte per salvare il risparmio gestito

Azimut scarica In Alternative

Consulenti, che peso le fee di performance

Fondi, top e flop del 10/01/19

Derivati, parte l’offensiva della vigilanza dopo Mifid 2

Azimut, il 2018 si chiude col sorriso

Firme contraffatte e altre violazioni, radiato consulente

Investimenti: valute in prima linea

Investimenti, il Dragone ci vede lungo

Così le sgr affiancano le reti

Asset allocation: puntare sulla crescita di qualità

Il Cenone a misura di consulente

Consulenza in borsa: Fineco ok, Azimut ko

Consulenti: 3 date chiave per il vostro 2019

BlackRock: tanti profitti, ma quanti riscatti

I supereroi della consulenza si raccontano a Bluerating

Wall Street, i robot pesano sempre di più

Dai Pir una spinta Ipo

Ti può anche interessare

Desio, banca di famiglia

L’industria del risparmio sta vivendo un momento di transizione e da qui in avanti dovrà operare ...

Matrimonio nel private banking svizzero

Continua il processo di fusioni e aggregazioni tra gli operatori del private banking, pressati dalla ...

Deal nel sud della Germania per TH Real Estate

Lo spazio, conosciuto in zona come ACTIV Arkaden, è stato costruito nel 2017 e offre una superficie ...