Niente tasse per chi investe in startup?

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio13 luglio 2018 | 07:38

Non fosse per l’autorevolezza della fonte, finirebbe in archivio come una delle tante proposte che quotidianamente girano sul mercato. E invece Leone Pattofatto, chief strategic equity officer di Cassa Depositi e Prestiti, in occasione di ‘EY Manufacturing Lab, ha indicato la necessità di una ricetta shock per sostenere l’innovazione in Italia, vale a dire “defiscalizzare l’acquisto di start up innovative da parte delle aziende”. Una ricetta, ha sottolineato, che potrebbe risultare “qualcosa che aiuta la crescita per linee esterne di acquisizione di tecnologie innovative”.

Il tema, da tempo dibattuto nel nostro Paese, è quello della carenza di risorse economiche per sostenere chi ha buone idee imprenditoriali e si trova a competere in un mercato in cui le dimensioni diventano sempre più importanti per competere. La fiscalità è una delle leve più forti per convincere gli investitori istituzionali e i clienti del private banking a orientare i propri investimenti, a maggior ragione in una fase come questa caratterizzata dal ritorno della volatilità nelle principali asset class.

Secondo l’esperto, rispetto alle politiche per incentivare la digitalizzazione delle imprese, “è stato fatto molto negli ultimi anni”, con riferimento al supporto alle start up innovative. Quindi ha ricordato il ruolo di Cdp: “Siamo un investitore finanziario e dunque con i nostri interventi , 600 milioni di investimenti per innovazione e venture capital, abbiamo cercato di facilitare questi processi, mettendo dunque capitale a lavorare per aiutare le aziende da una parte a investire in innovazione e poi a crescere, perché soltanto attraverso la crescita si può competere ed essendo più grandi si può investire di più in innovazione e si possono fare anche acquisizioni di realtà esterne e avere un ruolo proattivo nel corporate venture capital”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Diamanti in banca, ecco il background giuridico

Morgan Stanley, trimestre in calo ma sorridono le gestioni

Consulenti, ecco perchè il multi asset non passa di moda

Enasarco, le dritte in vista delle elezioni

Gam e il caso ARBF: il 100,5% del portafoglio sarà restituito agli investitori

Bond, c’era una volta l’high yield

Consulenti, le istruzioni per conquistare i Millennials

Rendiconti Mifid 2, ecco i documenti assicurativi di Azimut

Credem, ora ti aiuta Emily

Investimenti, la tendenza alla giapponesizzazione

Mediolanum, così parlò di Montigny al Fed

Certificati d’investimento, come muoversi e cosa aspettarsi per i prossimi mesi

Tassi, dalla Fed un assist a Trump

Etf, a giugno dominano obbligazionari ed Esg

Requiem for a Pir

Consulente, per il cliente sei come Wikipedia

Assopopolari, nel segno della cooperazione bancaria

Finanza e competenze digitali, tanto fumo e poco arrosto

Consulenti, a giugno (quasi) tutti sono bravi

Zurich, Molteni nuovo COO

Intesa, private banking sulle Dolomiti

Credem e Banca del Piemonte, wealth management a braccetto

Certificati, con Vontobel la svolta attiva

Enasarco, Mei in pole position per Anasf

Efpa Italia, Liccardo passa il testimone a Bortolato

Ocf: la grande battaglia per la presidenza

Enasarco: lo sconsolato (e arrabbiato) esercito dei senza pensione

Carmignac, la sostenibilità ha un nuovo volto

Arrivano gli incentivi per gli Eltif

Mercati, cinque investimenti per blindare i risparmi

Mediolanum, la raccolta scala la marcia

Consulenti, maggio caldo per la vigilanza

Consulenza e tecnologia, un binomio ormai indissolubile

Ti può anche interessare

Bancari, diritto alla disconnessione

Più opportunità per comunicare e lavorare in maniera flessibile, ma anche il rischio di restare in ...

Banche europee, il rilancio passa dal private banking

Analisi di Dbrs sui marginali degli istituti Ue ...

M&G Investments spiega quali opportunità cogliere nel 2019

Gli investitori dovrebbero sfruttare le opportunità di investimento che essi presentano, agendo sem ...