Mediobanca, la possibile sposa di Unicredit è poco entusiasta

A
A
A
di Antonio Potenza 12 Maggio 2021 | 12:10

I risultati di Mediobanca sono stati superiori alle attese negli ultimi nove mesi. Nell’ultimo trimestre è prevista un’ampia ripresa, nonostante le difficoltà della pandemia.

I ricavi, spiegano da Piazza Cuccia, continueranno ad essere sostenuti da un positivo flusso di commissioni per le divisioni di investment banking e wealth management che compensano il rallentamento del margine di interesse. Insomma, come riporta IlSole24Ore, se tutto andrà bene Mediobanca dovrebbe distribuire quest’anno fino a 12 centesimi in più dei 52 centesimi ad azione, previsti prima del Covid. Gli analisti registrano effettivamente una crescita, nei primi nove mesi del 2020\2021, dei ricavi del 3% a 1.964 milioni. La situazione patrimoniale è solida, con il Cet1 salito al 16,3%.

Dopo la diffusione dei dati, l’ad Alberto Nagel ha detto che nei prossimi 12 mesi l’attesa è per il proseguimento del trend di consolidamento del settore del credito. Riguardo il risiko banche, in specifico in relazione ad una possibile acquisizione da parte di Unicredit, la risposta è secca: “servirebbe poco a entrambi” ha affermato l’ad. “Combinare una banca d’affari specializzata e un gruppo orientato alla banca commerciale universale è un’operazione poco sensata” ha concluso.

Insomma, se una proposta ci sarà, Mediobanca non ha intenzione di accettare l’anello ad occhi chiusi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X