Promotori Finanziari – Ecco i 2 big che puntano ancora sul gestito

A
A
A

In tempi di crisi come quelli che stiamo vivendo sembra preferibile non far correre troppi rischi ai propri clienti consigliandogli strumenti di investimento troppo aggressivi, che rischiano di togliergli il sonno.Non tutte le reti, tuttavia, stanno ammainando la bandiera del risparmio gestito.

di Redazione28 novembre 2008 | 16:00

In tempi di crisi come quelli che stiamo vivendo sembra preferibile non far correre troppi rischi ai propri clienti consigliandogli strumenti di investimento troppo aggressivi, che rischiano di togliergli il sonno. Sembra questa la linea che da alcuni mesi sta guidando le reti commerciali, che con i promotori stanno cercando di venire incontro a questa esigenza veicolando la clientela verso lidi più tranquilli come quelli del risparmio amministrato, in particolare pronti contro termine, obbligazioni statali e certificati di deposito.

Non tutte le reti, in realtà, sembrano voler abbracciare questo stato di cose, che ovviamente incide sui profitti, poiché questi strumenti sono meno remunerativi, e qualcuna continua a puntare forte sul più invitante, e in molti casi redditizio, risparmio gestito. A guidare questo fenomeno sono due società che da sempre puntano forte sulla raccolta dei loro promotori e considerano il mondo degli investimenti il core business principale.

Secondo gli ultimi dati diffusi da Assoreti, infatti, ad ottobre la prima e la terza posizione del podio delle reti che guidano la raccolta sul fronte gestito sono appannaggio di due creature nate dall’impegno di Pietro Giuliani, AZ Investimenti SIM, che può vantare un dato positivo di 86,81 milioni, e Azimut Consulenza per Investimenti SIM che conta 38,63 milioni. Sul podio non poteva poi mancare, in seconda posizione, una delle reti commerciali che da sempre si distingue per la volontà di non sottrarsi alla competizione, in linea con il modello impostato dal suo padre fondatore Ennio Doris.

Mediolanum, oltre ad essere al momento la rete numero uno per quanto riguarda la raccolta generale (247,78 solo a Ottobre) può vantare nel gestito una quota di ben 45,11 milioni.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Credito Fondiario prende i leasing Npl di Intesa

La transazione riguarda un doppio portafoglio con 8mila contratti di leasing non performing facenti ...

Mifid 2, la rivoluzione prossima ventura

L'opinione degli addetti ai lavori sulla nuova direttiva europea che regola i prodotti e i servizi f ...

Widiba strappa un consulente a Credem

Guido Mirco opererà nella piazza di Savona, unendosi alla squadra di Paolo Campagnucci e Renato Pig ...