iShares, per il 2012 i gestori puntano sul Brasile

A
A
A

Parola di Russ Koesterich, Global Chief Investment Strategist di iShares, secondo cui…

di Redazione28 febbraio 2012 | 15:15

Ipotizzando che l’Europa riesca a superare l’impasse con una lieve recessione, ci aspettiamo che l’economia globale vivrà una lenta ma positiva crescita”. Parola di Russ Koesterich, Global Chief Investment Strategist di iShares, secondo cui “la fase toro di mercato che stiamo vivendo potrebbe facilmente andare avanti per il resto del 2012. “Abbiamo una visone di lungo termine positiva sull’azionario globale, che riteniamo più conveniente rispetto alle obbligazioni”, hanno continuato gli esperti.

“Il comparto azionario può ulteriormente apprezzarsi nel 2012, anche se probabilmente la ricerca di rendimenti sarà più difficile rispetto a gennaio e probabilmente sarà accompagnata da una maggiore volatilità. Stante questa situazione, preferiamo assumere un’esposizione azionaria globale attraverso società a elevata capitalizzazione e con elevati dividendi, selezionando mercati sviluppati ed emergenti, e settori con basso beta”. “Continuiamo a mantenere un sovrappeso sull’America Latina, che è la nostra regione preferita all’interno dei mercati emergenti, e in particolare sul Brasile.

Favoriamo anche la Cina,  Taiwan, e, per gli investitori più aggressivi, la Russia”. “Ci aspettiamo inoltre che nei prossimi mesi i mercati rimarranno volatili. L’attuale contesto di crescita, lenta ma positiva, continua a essere di supporto per i settori a basso beta, mentre le più grandi società attive nei settori difensivi (telecom, energy e information technology) sembrano mostrare ancora valutazioni interessanti. Manteniamo una propensione per i settori più difensivi o che presentano una maggior presenza di società a larga capitalizzazione, telecom in particolare”. “Abbiamo tuttavia ancora una visione negativa del settore finanziario in generale. Crediamo che sia destinato a rimanere sotto pressione e che le aspettative di utili siano troppo elevate, alla luce del rischio europeo e dai venti contrari della crescente regolamentazione. Manteniamo una visione neutrale infine sul settore finanziario europeo, in quanto tale comparto ha drammaticamente sottoperformato i mercati sviluppati. Inoltre, continuiamo ad avere una visione più positiva sulle banche americane regionali”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Anima, bene trend di raccolta malgrado riassetto distributivo

Fondi, La Française lancia nuovo fixed maturity

Fondi, in Europa è già record

Credit Suisse, ecco i due fondi che guardano al futuro

I fondi private scelgono l’Africa

Fondi italiani, in 32 anni più oneri che rendimenti

Al via ReFees, la startup che fa risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

Banco Popolare e Digital Magics: 1 milione di euro a sostegno delle startup

MutuiOnline e la marcia silenziosa verso un nuovo supermarket online per i fondi

Fondi, è ancora boom per Vanguard

Assogestioni, l’industria fa 13

Giri di poltrone per i fondi di Banque de Luxembourg

La raccolta di Anima fa +13% a febbraio

La finanza sostenibile piace al mercato: raddoppia l’utile di Etica Sgr

Legg Mason cresce nei fondi immobiliari

L’arrivo della Mifid2 potrebbe slittare di un anno

Tarabini Castellani (Vontobel), nel fixed income stanno per arrivare 280 miliardi di euro

Anima preme l’acceleratore sul retail nel 2014 e raccoglie 7,6 miliardi

Fondi quotati, ancora presto per parlare di trasformazione radicale

Il consulente del futuro? Quello che saprà leggere un bilancio: parola di un ex big di Merril Lynch

Bny Mellon e Credem insieme per la distribuzione di fondi a 500 promotori

Comgest, verso l’uscita il managing director Vincent Strauss

Usa: i bond ‘spazzatura’ solleticano ancora i grandi fondi

Fondi obbligazionari globali, ecco i nomi dei gestori più bravi secondo Citywire

Santé fa affari con Credit Agricole Assurances

Hines Italia sgr compra da Blackrock il LightBuilding di Milano

Perché il mercato fa meglio dei gestori

Ecco i migliori fondi dalla nascita dell’euro ad oggi

Classifiche, il gestore più bravo di aprile lavora per Aberdeen AM

Classifiche Citywire, nome per nome i migliori gestori di fondi absolute return

La Gnp lancia il comparatore dei fondi

Salone del Risparmio, al via le iscrizioni alle conferenze

Risparmio, gli italiani riscoprono i fondi di investimento

Ti può anche interessare

Alto Rendimento, premiati Azimut, Arca, T.Rowe Price ed Ersel

Oltre trenta case di investimento italiane e straniere hanno preso parte alla diciannovesima edizion ...

Pictet AM: “Altri rialzi in vista per le borse”

Ottimismo sul settore azionario nel Barometro di giugno della casa di gestione elvetica. ...

Citywire, ecco i nomi dei gestori più bravi con i Mixed Assets – Balanced Usd

Citywire svela nomi e cognomi dei fund manager che si sono distinti nella gestione di fondi che inve ...