Anima preme l’acceleratore sul retail nel 2014 e raccoglie 7,6 miliardi

A
A
A

Come spiega il gruppo in una nota, il totale delle masse gestite a fine dicembre ha superato i 57,1 miliardi di euro, con un aumento di circa il 23% sul dato di fine 2013.

Gianluca Baldini di Gianluca Baldini13 gennaio 2015 | 09:07

A DICEMBRE MESSI INSIEME 170 MILIONI DI EURO – La raccolta netta del gruppo Anima nel mese di dicembre 2014 è stata positiva per circa 170 milioni di euro, portando così il totale da inizio anno a circa 7,6 miliardi di euro. Il dato complessivo del 2014 è pari ad oltre il doppio di quanto realizzato nel 2013 e con una forte prevalenza della componente retail, che aveva invece rappresentato l’anno precedente poco meno di un terzo della raccolta totale. Il totale delle masse gestite a fine dicembre ha superato i 57,1 miliardi di euro, con un aumento di circa il 23% sul dato di fine 2013. Il dato tiene conto di una performance positiva delle masse gestite per quasi 3 miliardi di euro, corrispondenti ad una media ponderata (per i fondi comuni) del 4,9%, superiore al dato della media dell’industria italiana (indice Fideuram Generale fondi per il 2014: 4,5%).  Sulla base dei dati preliminari, le commissioni nette di gestione per l’anno 2014 saranno superiori a 175 milioni di euro (con un aumento di oltre il 18% sul 2013); i ricavi totali supereranno i 220 milioni di euro (in linea con il dato dell’anno 2013) con un significativo ribilanciamento a favore delle commissione nette di gestione rispetto alle commissioni di incentivo.

IL COMMENTO DEL NUMERO UNO – “Salutiamo un eccellente 2014 che si è chiuso con numeri di raccolta e di performance di assoluto rilievo, rafforzando così il nostro ruolo di operatore indipendente leader in Italia, che ha visto nella quotazione in Borsa un importante momento di consolidamento e ulteriore spinta alla crescita futura. Anche alla luce di ciò guardiamo con fiducia al 2015 perché Anima continua a rappresentare il punto ideale di convergenza fra le esigenze della clientela retail ed il canale distributivo bancario.  Riteniamo che a maggior ragione quest’anno, considerate le attese di ulteriore appiattimento dei ritorni attesi per quanto riguarda la componente obbligazionaria, la nostra capacità di innovare l’offerta di prodotto, adattandola al contesto, risulterà un elemento centrale per consentire rendimenti sostenibili nell’ambito di una clientela che mantiene un profilo di investimento prudente e incentrato sulla protezione del capitale”, ha commentato Marco Carreri (nella foto), amministratore delegato di Anima Holding e Anima Sgr.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Anima, i Pir trainano la raccolta a novembre

Anima-GfK: italiani sempre più ottimisti e disposti a investire

Anima, raccolta e utile positivi nei primi tre trimestri

Anima, a ottobre raccolta col segno meno

Anima, bene trend di raccolta malgrado riassetto distributivo

Anima, i Pir trainano la raccolta ad agosto

Anima conquista Aletti Gestielle

Anima, offerta in vista per Aletti Gestielle

Anima, nel primo semestre corre la raccolta

Anima-Aletti Gestielle, prove tecniche di terzo polo

Anima, Colombi entra nel board

Anima, più raccolta con il retail

Fondi, nasce un gigante italiano

Pir a tutto tondo, Widiba e Anima ne parlano a Milano

Poste Italiane stacca il dividendo, resta sotto i riflettori

I Pir spingono la raccolta di Anima

Anima, raccolta in ripresa anche ad aprile

Anima, Melzi d’Eril nominato direttore generale

Anche Mps punta sui Pir, con un fondo di Anima

Anima in testa nella Pir selection di Banca Imi

SdR 17, Gatti (Anima): “Il valore del brand nel risparmio gestito”

Anima, raccolta di marzo a 267 milioni

Anima, analisti positivi dopo il riassetto

Anima ridisegna l’assetto organizzativo

Anima, la raccolta cresce ancora nel 2016

Anima prende Di Naro da Esperia

Anima, risultati a due facce

Giverso (Anima): “Dall’e-learning ai nuovi spazi: ecco le novità di Accademia Anima”

Aletti Gestielle, salgono le chance di una vendita ad Anima

Anima, nozze in vista con Aletti?

Pir, le strategie delle banche e delle reti

Anima, frena la raccolta ma crescono le masse

Sul mercato il primo Pir italiano

Ti può anche interessare

Classifiche Bluerating: Fidelity in testa tra i fondi azionari Paesi Nordici

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della categoria Azionari Paesi Nordici, il migliore ...

Assicurazioni, l’Ivass segnala due compagnie abusive

Nuovo campanello d'allarme dell'authority sul fenomeno delle polizze contraffatte. ...

Astolfi (M&G): “Italia, 4 mesi eccezionali per raccolta”

Il country head Italy & Greece di M&G Investments ha introdotto l'Annual Conference 2017 a M ...