La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi13 luglio 2017 | 19:06

LA CRISI HA TRIPLICATO I POVERI IN ITALIA – Quando l’Italia ha attraversato la sua più dura e più lunga recessione dalla seconda guerra mondiale ad oggi, tra il 2008 e il 2013, oltre un quarto del suo Pil si è volatilizzato, la disoccupazione è esplosa, passando dal 5,7% di fine 2007 al 13% nel 2014 (e tuttora è all’11,3%) e il numero di poveri è triplicato, passando dagli 1,7 milioni del 2006 ai 4,7 milioni (il 7,9% di tutta la popolazione italiana) di fine 2016, come ha segnalato l’Istat oggi.

L’ITALIA NON E’ UN PAESE PER GIOVANI – Quello che è peggio, il numero di poveri cresce soprattutto tra i giovani (il 10% degli italiani tra 18 e 34 anni è al di sotto della linea di povertà), mentre è minimo tra gli over 65enni (meno del 3,8%), a conferma che l’Italia non è un paese per giovani e che dunque non ha senso continuare a domandarsi perché da decenni il “bel paese” presenti uno dei più bassi livelli di fertilità d’Europa (1,35 figli per donna contro gli 1,58 figli del dato medio della Ue-28 a fine 2015, ultimo dato disponibile).

REDDITO DI INCLUSIONE DA SOLO NON BASTERA’ – Qualche mese fa il Parlamento ha approvato una nuova misura anti povertà, il reddito di inclusione, che sostituirà le esistenti misure a supporto del reddito e che dovrebbe riguardare 400 mila famiglie, per un totale di 1,7 milioni di persone. Il programma usufruirà di risorse per circa 2 miliardi quest’anno, destinate a salire a circa 2,2 miliardi l’anno a partire dall’anno prossimo. Anche così se non ci sarà ripresa il numero di poveri in termini assoluti resterà a livelli quasi doppi rispetto a prima della crisi e se si considera anche chi è povero in termini relativi (8,5 milioni, il 14% della popolazione, anche in questo caso con un’incidenza maggiore per gli under 34enni) non sembra che la misura sia da sola in grado di risolvere il problema dell’impoverimento dell’ex “bel paese”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn1Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

P2P lending, l’ultima minaccia dei prestiti multipli

Altro che luce in fondo al tunnel: i fallimenti aumentano

Slovenia: delude l’asta dei titoli di Stato, cresce l’allarme sulle banche

La Spagna pronta a chiedere aiuti. E lo spread risale

Santader Uk mette le mani avanti

Moody’s pessimista: tagliate le stime sul Pil dell’Italia

A Singapore è più bello fare il banchiere

Moody’s e Fitch promuovono l’Italia con riserva

Crisi Europa: Moody’s ci vede chiaro(scuro)

Swiss and Global riduce l’esposizione azionaria

G20, accordo ancora lontano

Draghi: ridurre dipendenza da agenzie di rating

Fed più vicina al quantitative easing

La ripresa? Ricetta in 5 punti

Patto di stabilità Ue, Mussari (Abi): non siamo soddisfatti

La Fed pronta a comprare bond ma su scala ridotta. E il dollaro sale

Nuova riforma vigilanza si parte dal 2011

Ue, Consiglio straordinario ministri esteri

Bini Smaghi, “non è il momento di tassare le banche”

Merkel, priorità tassa sui mercati finanziari

Pioneer, liquidatore fondi Madoff chiede chiarimenti

Portafogli dei big a prova di deflazione

Stress test, sotto accusa sei banche tedesche

Il Senato Usa approva la riforma finanziaria

La Fed perde l’ottimismo: la crescita è a rischio

Vigilanza Ue, ora la palla passa all’Ecofin

Banche, addio ai bonus senza regole

Grecia, per la Ue il risanamento è in linea con le attese

Riforma Ue, tutto rinviato a settembre

Roubini: l’Europa non può salvare le grandi banche

Il peggio per l’euro deve ancora venire

Riforma europea alla prova del nove

Banche europee, stress test ancora in alto mare

Ti può anche interessare

Blueindex: Raiffeisen International si riprende, debole Deutsche Bank

RAIFFAISEN SI RISCATTA SUL BLUEINDEX – Raiffaisen International torna a mettersi in luce sul B ...

Piazza Affari in rosso, sulle borse pesano le tensioni geopolitiche

TENSIONI GEOPOLITICHE DEPRIMONO I LISTINI – Borse europee che aprono la giornata sottotono, do ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con l’istruttoria autorizzativa

La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito della duration modificata, era quella c ...