Petroliferi sotto pressione, le major tagliano gli investimenti

A
A
A

Eni riavvia la produzione di Kashagan, ma non è interessata a Turkish Stream. Anche Petrobras taglia gli investimenti, per Saipem son dolori. In borsa male anche Tenaris ed Eni

Luca Spoldi di Luca Spoldi20 settembre 2016 | 14:24

ENI RIAVVIA PRODUZIONE KASHAGAN – Notizie in chiaroscuro per il comparto petrolifero italiano: da un lato il numero uno di Eni, Claudio Descalzi, ha confermato che da ottobre sarà riavviata la produzione del maxi-giacimento di Kashagan (che ha già richiesto 16 anni di lavori e investimenti per 50 miliardi di dollari), con una produzione giornaliera di 75 mila barili che sarà innalzata gradualmente per arrivare al picco produttivo tra 4 o 5 mesi, indicato in 370 mila barili al giorno entro un anno dall’avvio della produzione. Secondo alcuni analisti del settore l’obiettivo è peraltro troppo ambizioso e non si andrà oltre quota 154 mila a fine 2017.

NESSUN INTERESSE PER TURKISH STREAM – Descalzi ha poi sottolineato come Eni non sia interessata a partecipare a Turkish Stream, il nuovo gasdotto che nelle intenzioni di Mosca dovrebbe sostituire il progetto South Stream che invece coinvolgeva Eni (e Saipem), frutto di una strategia nata con altri prezzi e preospettive per il mercato del gas, ha sottolineato il manager. Nel frattempo Petrobras, la compagnia petrolifera statale del Brasile ha tagliato con decisione gli investimenti previsti il piano industriale al 2021, portandoli a 74,5 miliardi di dollari, dai 98 miliardi inizialmente annunciati.

PETROBRAS TAGLIA INVESTIMENTI, SAIPEM CADE – Petrobras ridimensionerà in particolare i nuovi progetti di diversificazione dell’attività e cercherà partner per lo sviluppo dei nuovi giacimenti, focalizzandosi sulla riduzione del debito.  Nell’attesa di vedere se la riunione dell’Opec ad Algeri, in calendario per il 27 settembre, porterà a qualche novità, l’effetto di questi annunci è di far calare ulteriormente il prezzo del petrolio Wti che oscilla appena sopra i 43 dollari al barile e quello del petrolio Brent a 45,53 dollari. Di questo stato di cose fanno le spese i titoli del comparto petrolifero quotati a Piazza Affari: Eni perde l’1,73% scivolando sotto i 12,5 euro per azione, Tenaris segna -2,6% a 11,6 euro per azione, mentre Saipem sfiora il 3% di perdita e danza appena al di sopra dei 35 centesimi di euro per azione.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Borse avanti piano, la Yellen indebolisce il dollaro

Titoli petroliferi: non è ancora il caso di indulgere nell’ottimismo

Petrolio sui minimi a 7 mesi, scattano vendite su Saipem, Eni e Tenaris

Notizie positive dall’Iran per Eni, che recupera in borsa

Petrolio riparte, Russia e Arabia Saudita pronte a estendere i tagli produttivi

Piazza Affari chiude in rialzo grazie a Mps ed Eni

Eni e Mps illuminano la giornata di Piazza Affari

Opec: il mercato crede nell’accordo e il petrolio riparte

Petrolio sottotono nonostante i dati Usa, difficile intesa in seno all’Opec

Piazza Affari chiude a +1%, grazie ai titoli finanziari e petroliferi

Petrolio sopra i 47 dollari al barile, corrono Eni, Saipem e Tenaris: durerà?

Borse europee in frenata, ancora male Deutsche Bank

Borse europee in prudente recupero, restano in rosso i petroliferi

Petrolio prova rimbalzo, ma i titoli del settore restano prudenti

Piazza Affari dimezza il rialzo visto in mattinata

Piazza Affari, tornano acquisti sui titoli finanziari

Borse europee interrompono il rialzo, pesano trimestrali e tensione

Da Eni a ConocoPhilips, la stagione delle dismissioni sta partendo

Petrolio: niente accordo a Doha, scattano le vendite

Borse europee in moderato recupero, grazie a petroliferi e finanziari

Borsa di Milano avanti piano, Eni e Saipem subito in luce

Borse: segnali positivi dall’Asia all’Europa

Scorte petrolifere ai massimi negli Usa, ma Eni e Saipem recuperano

Il petrolio rimbalza dai minimi a 13 anni

Europa ancora in calo, pesano Cina e petrolio

Produttori auto indietro tutta sui listini europei

Eni, Saipem e Tenaris in rosso nonostante risalita petrolio

Parigi e Francoforte accelerano al rialzo

Yoox, Unipol e Mediaset corrono, ma i petroliferi frenano gli indici di Milano

Il calo del petrolio non pesa su Eni e Saipem, per ora

Solo Eni e UnipolSai si salvano dal rosso a Milano

Indici in calo, Milano fa eccezione

I petroliferi non bastano a far salire le borse europee

Ti può anche interessare

Azimut, Anima e FinecoBank: risparmio gestito sotto i riflettori a Milano

AZIMUT APPENA SOTTO I 19 EURO – Azimut in lieve rialzo a Piazza Affari, dove il titolo oscilla ...

Esma mette la museruola all’high frequency trading

La sempre maggiore incidenza sui volumi di negoziazione degli scambi ha fatto sorgere l’esigenza d ...

Borse a ritmo ridotto, si attendono le parole di Mario Draghi

BORSE ATTENDONO BCE – Mattinata sonnolenta per Piazza Affari e i principali mercati finanziari ...