Matrimonio concluso tra Veneto banca e BancApulia

A
A
A

E’ stato stipulato l’accordo quadro finalizzato a giungere all’integrazione tra il Gruppo bancario bancApulia ed il Gruppo bancario Veneto Banca. Un’unione che si annuncia serena.

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti31 marzo 2009 | 12:15

Fiori d’arancio per tutti. Il 30 marzo 2009 è stato stipulato tra Veneto Banca Holding, capogruppo del Gruppo Veneto Banca e Finanziaria Capitanata s.r.l., detentrice del controllo di bancApulia, un accordo che fissa la struttura e le linee essenziali dell’operazione che comporterà l’ingresso del Gruppo bancApulia nel Gruppo Veneto Banca.
 
Come già anticipato nei precedenti comunicati del 14 gennaio 2009, Veneto Banca e Fin. Cap. hanno infatti concordato sul reciproco, convergente interesse di effettuare una fusione tra BAP e Banca Meridiana S.p.A. appartenente al Gruppo Veneto Banca, per dar vita ad un forte operatore bancario operante nel sud Italia e lungo la dorsale adriatica. L’operazione di aggregazione, grazie alla sostanziale assenza di sovrapposizioni territoriali, permetterà di conseguire i seguenti benefici: garantire alla società risultante dalla fusione di BAP e Meridiana una presenza territoriale diffusa nel sud est d’Italia, coerente con il ruolo di banca di riferimento per l’area in questione; conseguire significative potenzialità sinergiche di ricavo ed economie di costo attraverso: la razionalizzazione della struttura informatica; il raggiungimento di economie di scala; garantire maggiori opportunità commerciali per le società prodotto del Gruppo bancApulia e Gruppo Veneto Banca.

“L’operazione”, commenta Vincenzo Chirò, Presidente del Consiglio di Amministrazione di bancApulia “consentirà di creare valore per gli azionisti, stabilità per i dipendenti e sviluppo per i clienti, proseguendo nel sostegno al territorio di riferimento”. Sebbene quanto espresso all’interno della dichiarazione (valore per azionisti, stabilità per i dipendenti e sviluppo per i clienti) dovrebbe corrispondere all’attività “normale” di ogni società, non si può dire che l’accordo non abbia trovato il consenso dei partecipanti.
 
L’iter dovrebbe prevedibilmente concludersi nel secondo semestre 2009, dopo l’espletamento delle due diligence su BAP e Meridiana, e il conseguimento delle autorizzazioni di legge. Al perfezionamento dell’operazione, BAP entrerà a far parte del Gruppo Veneto Banca e la nuova entità risultante dalla fusione potrà disporre di una rete di 104 sportelli bancari distribuiti in 7 regioni, 16 punti vendita Apulia puntofinanziario, 20 punti vendita Apulia prontomutuo, oltre 400 sportelli bancomat, circa il 70% del capitale sociale di Apulia prontoprestito S.p.A., società quotata alla Borsa Italiana nel segmento Expandi e operante nel settore della cessione del quinto, nonché una raccolta globale di € 6,1 miliardi, impieghi per € 5,1 miliardi ed un prodotto bancario lordo pari a € 11,2 miliardi.

Insomma una nuova creatura con un bel bagaglio di eredità. Quel che si suol dire, nascere con la camicia.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, il wealth management le fa ricche

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Ti può anche interessare

Pausa estiva per Anasf

Gli uffici dell'associazione rimarranno chiusi per qualche giorno ...

Banca Imi, utile in calo ma ricavi in salita

La banca d’investimento del gruppo Intesa Sanpaolo ha pubblicato i dati di bilancio del 2017 ...

Mercati e demografia, se ne parla sul canale di Banca Mediolanum

Alla trasmissione Mercati che fare ospite Alessandro Rosina, docente di Demografia all’Università ...