Nagel risponde a Catricalà: “Generali non si vende”.

A
A
A
di Redazione 16 Giugno 2010 | 09:00
Il presidente dell’Antitrust Antonio Catricalà ritorna a criticare il controllo occulto di Piazzetta Cuccia su Generali. Nagel: “non vendiamo”. Ma a risolvere la questione potrebbe essere la nuova normativa Bankitalia.

E due. Il presidente dell’Antitrust Antonio Catricalà ritorna per la seconda volta a tirare le orecchie a Mediobanca e di nuovo il suo ad Alberto Nagel risponde picche. Nel corso della sua relazione annuale al parlamento Cartricalà è ritornato sulla necessità per l’Italia di “massicce dosi di concorrenza”, invitando gli operatori del sistema bancario e assicurativo a sciogliere quegli “intrecci azionari e personali tra imprese concorrenti” che frenano “le spinte concorrenziali”, riducono “la contendibilità del controllo”. Il riferimento è alla rete di partecipazioni incrociate tra banche, assicurazioni e grandi imprese industriali a Nord.

Una rete che ha al centro il legame tra Piazzetta Cuccia e le Generali, che controlla di fatto con una quota di poco superiore al 13%. Secca la replica di Nagel: “In mancanza di cambiamenti legislativi nessuno in Mediobanca si propone di scendere in Generali e nessuno può chiedere a Mediobanca di farlo”. A dire la verità però a favore della concorrenza potrebbe intervenire la nuova normativa di Banca d’Italia sulla concentrazione del rischio, che potrebbero avere effetti sui patrimoni dell’istituto. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X