Passera: no a fondi di salvataggio

A
A
A
Avatar di Redazione 13 Luglio 2010 | 13:15
A margine del Forum EuroMediterraneo l’amministratore delegato di Intesa Sanpaolo dichiara le sue opinioni in merito alla proposta avanzata dal collega Profumo e…

Sì ai fondi di garanzia dei depositi, no a ai fondi di salvataggio. È questa l’idea espressa dall’amministratore delegato di Intesa SanPaolo, Corrado Passera, che ne ha parlato a margine del Forum EuroMediterraneo. Al tempo stesso il banchiere ritiene che la proposta di fondo lanciata dal “collega” Alessandro Profumo vada approfondita.

 

L’a.d. di Intesa Sanpaolo ha ricordato che «di fondi ce ne sono di tre tipi, con diverse caratteristiche». In primis c’è la proposta di Michel Barnier di avere «fondi di garanzia dei depositi in tutti i Paesi europei, forti, solidi e armonizzati». A suo avviso si tratta di «un’idea molto corretta e da perseguire».

Un altro tipo sono invece «i cosiddetti fondi di salvataggio, anche detti resolution fund: credo che questi abbiano più svantaggi che vantaggi». La proposta lanciata dall’amministratore delegato di Unicredit, invece, è «un recovery plan, un recovery fund. Bisogna capirne fino in fondo le caratteristiche. Probabilmente vale la pena approfondirle, e da quel che ho capito non è tanto un fondo per banche con problemi di solvibilità ma solo con problemi di liquidità».

Secondo Passera, inoltre, «come spiega oggi il Financial Times, forse è un ruolo più da banche centrali. Però si può approfondire», fermo restando che «se fosse un fondo di salvataggio avrebbe più svantaggi che vantaggi». «La dimensione di questo fondo – ha concluso il banchiere – dovrebbe essere di tale entità da essere difficilmente accumulabile, e la gestione di situazioni molto diverse in Paesi diversi sarebbe molto complicata».

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Illimity, la svolta bancaria

Azimut, alleanza con Passera

Passera in Borsa: per Illimity 280 milioni di utili nel 2023

NEWSLETTER
Iscriviti
X