Fondazione Mps: raggiunto l’accordo con il pool di banche

A
A
A
di Redazione 12 Marzo 2012 | 08:11
Dopo l’accordo di venerdì sulla liberatoria per la vendita delle azioni Mps (7%) in pegno al pool di undici banche capitanato da JpMorgan…

La Fondazione Mps ha raggiunto l’accordo con il pool di banche sulla liberatoria per la vendita delle azioni della banca (il mese scorso  la Fondazione aveva chiesto alle banche creditrici  di poter cedere un pacchetto di azioni di Rocca Salimbeni per un totale di 15,5% dell’attuale capitale sociale). La quota della Fondazione attualmente è pari a circa il 49% del capitale. L’autorizzazione a cedere fino al 15,5% consentirà di mantenere il 33,5% del capitale e il potere di veto nelle assemblee.

Ora tocca dunque a Credit Suisse, esposta per altri 300 milioni di euro per il restante 8% in pegno. Fuori dal tavolo delle trattative resta, invece, Mediobanca che, sebbene sia esposta per altri 190 milioni verso l’ente, non è in possesso di azioni Mps in pegno.  Gli advisor della Fondazione, Rothschild e Antonio Vigni (ex d.g. Mps), stanno cercando di trovare acquirenti per la quota della banca in modo da abbattere il debito di oltre un miliardo di euro entro giugno. Tra gli interessati in pole position c’è Equinox di Salvatore Mancuso.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X