Banca Generali ospita la mostra dell’artista taiwanese Lee Feng

A
A
A
di Francesca Vercesi 19 Maggio 2017 | 09:28
Fino al 30 giugno a Milano un’esposizione dal titolo “Art & Poetry, The Worship of nature”.

Banca Generali continua a scommettere sull’arte. Del resto, nel mondo delle banche private, sta crescendo sempre più l’interesse per l’art advisory. Ed ecco che le società Amalart e Big Eyes Vision International, in collaborazione con Banca Generali Financial Planner della sede di Milano di Via San Paolo 7, presentano fino al 30 giugno 2017 la mostra dell’artista taiwanese Lee Feng (in origine Lee Wee Ping) dal titolo “Art & Poetry, The Worship of nature”. Lee Feng torna in Italia con una panoramica riassuntiva delle sue recenti collezioni, a due anni di distanza dalla sua prima mostra a Milano durante l’Expo organizzata a maggio del 2015 e dopo il viaggio in Svizzera in occasione dell’Art Basel 2016 per una Mostra collettiva con tre maestri cinesi del calibro di Ho Kan, Liu Yiyuan e Hsiao Cin. Il settore dell’arte è in ottima forma. Basta guardare ai numeri dell’Art and Finance report presentato ad Amsterdam da Deloitte e Art Tactic secondo il quale sono proprio i clienti a chiedere al proprio consulente finanziario di fiducia di includere l’arte nei loro wealth report così da avere una lettura più chiara e consolidata del loro patrimonio globale. Stando al Report Deloitte, il 73% (la percentuale era del 58% nel 2014) dei wealth manager intervistati hanno affermato che poter dare assistenza e consulenza sul mercato dell’arte è uno dei servizi maggiormente distintivi da offrire alla propria clientela. Il valore aggiunto che l’art advisor offre è proprio quello di informare il cliente in modo chiaro e indipendente degli aspetti e delle ricadute finanziarie che il collezionismo si porta con sé.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Generali, it’s Time to change

Generali, per i soci è tempo di mostrare le carte

Consulenti, ecco le banche-reti più “cattive”

NEWSLETTER
Iscriviti
X