Goldman Sachs, in portafoglio spunta quota in un sito di escort

A
A
A
Avatar di Redazione 2 Aprile 2012 | 07:07
E’ quanto riporta il New York Times, precisando che la banca d’affari ha ceduto la partecipazione, fonte di forti polemiche

Spunta anche la quota di un sito web di annunci sexy nel portafoglio di Goldman Sachs, che si è affrettata a liberarsene a seguito delle forti polemiche scaturite. Secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Ansa citando il New York Times, fino alla settimana scorsa il colosso bancario Usa risultava proprietario di una partecipazione del 16% in Village Voice Media, società a cui fa il settimanale di New York The Village Voice, finito nell’occhio del ciclone per il sito Backpage.com: un portale divenuto popolare per gli annunci sexy e dove – secondo alcune stime – transita il 70% della pubblicità per la prostituzione, anche di minorenni, negli Stati Uniti. Tanto che Backpage.com è stato anche citato in giudizio nel settembre del 2010 da una quindicenne vittima di approcci sessuali sul web. Secondo quanto risulta al New York Times, l’investimento di Goldman Sachs in Village Voice Media – che controlla anche il L.A. Weekly, il Seattle Weekly e l’Observer di Dallas – risalirebbe al 2000, quindi prima che Backpage.com diventasse parte del gruppo (nel 2006). Uno dei manager di Goldman Sachs, Scott L. Lebovitz, è stato un componente del consiglio di amministrazione di Village Voice Media per anni e si è dimesso all’inizio del 2010. In ogni caso, evidenzia il quotidiano della Grande Mela, “si tratta di un piccolo investimento per una grande società e non c’è alcuna prova che i top manager di Goldman Sachs sapessero del legame con il mercato del sesso”. Tanto più che Goldman Sachs è molto attiva nella promozione delle donne. Detto questo, continua l’articolo, “per oltre sei anni Goldman ha avuto una quota significativa in una società conosciuta per i suoi legami con il mercato del sesso e ha avuto un posto in consiglio di amministrazione per quattro anni. Non c’è indicazione che Goldman o nessun altro abbia usato il possesso di una quota per chiedere a Village Voice Media di abbandonare la pubblicità per escort o verificare l’età delle ragazze coinvolte”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Goldman Sachs consiglia: acquistare Btp decennali e vendere Oat francesi

Goldman Sachs vende una holding hollywoodiana

Un 2011 difficile per Goldman Sachs, da gennaio persi 38 partner

NEWSLETTER
Iscriviti
X