Consulenti, l’architettura aperta è ancora viva

A
A
A

Parla il d.g di IWBank Private Investments: “Grazie al nostro dna sappiamo affrontare la Mifid 2”

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti30 aprile 2018 | 10:20

Mifid 2 è da poco entrata
in vigore e ha coinvolto intermediari in un processo di revisione dell’offerta dei servizi
di consulenza finanziaria. Una evoluzione che procede di pari passo con la metamorfosi della domanda, sempre più concentrata sulle esigenze di digitalizzazione e personalizzazione. Ne abbiamo parlato con Andrea Pennacchia (nella foto), direttore generale di IWBank Private Investments.

Come si declina la proposta
di consulenza di IWBank con l’evoluzione di questo mercato, anche in riferimento a queste novità normative?

Grazie al suo modello specializzato e ad architettura aperta, IWBank Private Investments ha già nel suo dna gli elementi per affrontare al meglio Mifid 2. La nostra offerta
si caratterizza per la centralità del cliente, la qualità del servizio, la valorizzazione della consulenza
e la costante evoluzione delle piattaforme tecnologiche, tutti elementi che sono in piena coerenza con i principi che la nuova normativa punta a mettere in evidenza.

Oltre ai trend normativi, il mercato della consulenza sta vivendo una sempre maggiore interazione con quello della tecnologia. Qual è il vostro giudizio su questa tematica?

Senza dubbio il settore dei servizi finanziari è uno di quelli più interessati dall’innovazione tecnologica dei sistemi e dei processi. Riteniamo si tratti di un’importante opportunità, che puntiamo a cogliere grazie al nostro modello di business che prevede un sistema ibrido uomo-tecnologia. Quest’ultima rappresenta un vero e proprio fattore abilitante in grado di valorizzare la relazione di fiducia tra cliente e consulente finanziario, che rimane assolutamente centrale.

Qual è la rotta che IWBank
 ha deciso di intraprendere per orientarsi al meglio all’interno di questo contesto?

Vogliamo puntare sulla valorizzazione e l’innovazione
della proposizione commerciale
per i clienti dei consulenti finanziari, attraverso il lancio di nuovi certificate, l’ampliamento della gamma di risparmio gestito
e l’attivazione di nuovi servizi
di bancassurance vita. Sono allo studio ulteriori evoluzioni del servizio di consulenza finanziaria, erogati tramite il supporto di
una innovativa piattaforma digitale, caratterizzata da
strumenti di reportistica evoluta per il monitoraggio costante dei portafogli della clientela. Prosegue anche il percorso di digitalizzazione dei processi operativi in offerta fuori sede in un’ottica paperless, in particolare nelle fasi di erogazione del servizio di consulenza e di vendita di prodotti e servizi della banca.

Rivolgendovi infine idealmente ai nostri lettori, cioè al pubblico dei consulenti, cosa rende a vostro avviso unico il modello di sviluppo professionale proposto da IWBank?

IWBank Private Investments rappresenta un polo d’attrazione per professionisti qualificati e altamente patrimonializzati, grazie a una struttura ad architettura aperta che può mettere in campo anche importanti sinergie con la capogruppo Ubi Banca su servizi specifici. Tra questi citiamo i servizi di gestione del passaggio generazionale, di corporate advisory e di capital markets. Il modello operativo della banca offre inoltre evolute modalità di interazione digitali, come la firma digitale a distanza, che consentono di liberare tempo prezioso da dedicare alla conoscenza e alla comprensione dei bisogni del cliente.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

BLUERATING in edicola: “Il consulente è la nostra stella polare”

Assoreti: parte la grande sfida della Mifid 2

Portafoglio medio, gli IWBank crescono di più sui 3 mesi

Ti può anche interessare

Oggi su BLUERATING NEWS: nuove filiali per Deutsche Bank FA

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

Anasf: tutti i dettagli della convenzione con Coni

Come recita il portale di Anasf, l’associazione ha rinnovato l’accordo commerciale con CONI – ...

Mifid, quando il profilo del cliente è truccato

L'arbitro Consob vuole vederci chiaro. Una lista di operazioni "furbette" sulle quali è intervenuto ...