Consulente, fotografia di una professione

A
A
A
Marco Muffato di Marco Muffato 11 Luglio 2018 | 09:02
Ecco il movimento dei consulenti finanziari nei numeri forniti dal Bilancio Ocf relativo al 2017

Al 31 dicembre 2017 il numero degli iscritti dell’Albo è pari a 55.861, di cui attivi (con mandato) 36.313 (65%) e non attivi (senza mandato) 19.548 (35%). La popolazione degli iscritti è aumentata rispetto al 2016 dell’1,4%, avuto riguardo delle iscrizioni (3.087) e delle cancellazioni (2.289) deliberate in corso d’anno.

Incremento di iscritti al nord La sezione territoriale del Nord Italia ha la maggiore concentrazione di iscritti, con una percentuale pari al 59,8% (33.382). In Lombardia si registra inoltre la più alta presenza di consulenti finanziari, pari al 22,2% del totale della popolazione. Alla sezione territoriale Italia Centro-Sud e isole fa riferimento il restante 40,2% degli iscritti. Il Nord Italia ha registrato un incremento del +2,5% di iscritti. L’incremento degli iscritti ha interessato le fasce di età sopra i 50 anni. Si conferma anche nel 2017 il graduale processo d’invecchiamento della popolazione iniziato nel 2000 e non sufficientemente compensato dagli ingressi di consulenti dipendenti di banca mediamente più giovani. I consulenti under 30, dopo una lieve ripresa registrata nello scorso biennio, restano fermi sotto il 2% del totale.

La carica dei 50enni Gli iscritti all’Albo hanno superato l’età media di 50 anni. L’87,9% dei consulenti ha un’età superiore ai 40 anni. Il 54% supera i 50 anni e il 6,6% ha oltre 65 anni. Dall’analisi dei dati emerge un sostanziale allineamento tra l’età media della popolazione attiva e quella degli iscritti all’Albo: l’81,8% dei consulenti in attività si concentra nelle fasce di età compresa tra i 40 e i 65 anni, analogamente al 2016; inoltre più della metà dei consulenti finanziari attivi (il 54,1%) supera i 50 anni. L’età media all’interno delle prime 10 reti presenta una significativa oscillazione compresa tra i 47 e i 52 anni, come nel 2016. I cf sono portatori di una significativa esperienza professionale, considerato che circa la metà (50,4%) è iscritta all’Albo da non meno di 15 anni e che il 49,1% dei consulenti che ha avuto un mandato presenta un’anzianità lavorativa superiore a 10 anni. Con riferimento ai periodi di iscrizione all’Albo: il 75,3% dei consulenti risulta essere iscritto per un periodo complessivo superiore a 5 anni e il 64,4% superiore a 10 anni; i professionisti con un’anzianità inferiore ai 5 anni sono pari al 24,7%. L’andamento risulta pressoché analogo a quello del 2016.

Parola d’ordine: fedeltà Con riferimento ai periodi di anzianità lavorativa: la netta maggioranza (61,2%) dei consulenti iscritti all’Albo è portatrice di un’esperienza professionale complessiva superiore ai 5 anni. La maggior parte dei 19.548 consulenti non attivi al 31 dicembre 2017 (cioè il 57,3%) ha maturato un’esperienza professionale nel settore. Il 15,75% degli iscritti (8.785) non ha mai avuto un mandato con un intermediario. I risultati esposti, secondo il bilancio Ocf “confermano che i consulenti finanziari hanno una posizione professionale consolidata grazie a un importante patrimonio di relazioni, esperienza e competenze maturate, indicazione che ben si riscontra osservando anche la durata dei mandati correnti sottoscritti dai consulenti; infatti, il 53,4% dei consulenti finanziari in attività ha sottoscritto il mandato corrente (cioè opera con la stessa azienda, n.d.r.) da almeno 6 anni”. Al fine di una puntuale visione d’insieme dello scenario, è utile prendere in considerazione anche la distribuzione dei consulenti finanziari nelle reti. Nelle prime dieci reti opera il 63,4% dei consulenti in attività e l’80,9% nelle prime 20. Il settore è caratterizzato da una forte concentrazione, considerato che gli intermediari autorizzati e attivi (per attivi si intende con almeno un consulente finanziario abilitato all’offerta fuori sede con rapporto aperto) sono 295.

Si cambia casacca di meno I mandati aperti nel 2017 sono stati 3.613, in diminuzione del 32,4% rispetto all’anno precedente. Il 46,6% è rappresentato da nuovi mandati e il restante 53,4% da cambi di rapporto, i cosiddetti “cambi di casacca”. I nuovi mandati sono diminuiti del 24,1% rispetto al 2016. Per quanto attiene i cambi di rapporto, questi sono diminuiti del 38,3%. Se non si considerano i cambi di rapporto conseguenti i movimenti infragruppo che hanno interessato il biennio in esame la flessione aumenta fino al 41,5%. Analizzando i nuovi mandati in ragione della tipologia del rapporto, la flessione generale registrata rispetto al 2016 non ha sostanzialmente modificato la loro composizione; infatti la maggior parte continua a essere riferita ai dipendenti (62,7%) mentre la restante ai consulenti finanziari che hanno un contratto di agenzia/ mandato (37,3%). Il 2012 è stato l’ultimo anno nel quale i nuovi mandati attribuiti ai consulenti finanziari agenti/mandatari hanno superato i nuovi mandati attribuiti ai consulenti dipendenti.

Under 30, sempre di meno A proposito di nuovi iscritti: sono 2.171 gli aspiranti consulenti finanziari, su un totale di 4.937 partecipanti, ad aver superato l’esame (44%): di questi 873 donne (40,2%) e 1.298 uomini (59,8%). Sono 545 gli aspiranti cf under 30 che hanno superato l’esame su 1.529 giovani iscritti alle prove, pari al 27,2% del totale degli iscritti. Dal 2000 gli under 30 iscritti all’albo sono scesi dal 14,4% fino all’1,9%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, preparatevi all’arrivo della cam-bank

Consulenti, ecco come cambieranno i tuoi clienti dopo il Covid-19

Consulenti, come preparare in anticipo i vostri contenuti di marketing

Consulenti, il cliente italiano gioca in difesa

Consulenti, cosa c’è per voi nel DL Rilancio

Consulenti, 5 consigli d’oro per fare incetta di clienti

Consulenti, ad aprile torna il bonus da 600 euro

Fideuram Ispb: exploit dell’amministrato, la trimestrale ringrazia

Consulenti, guida per usare gli hashtag a vostro favore

Consulenti, scriveteci la vostra storia originale

Consulenti e smart working, occhio ai pirati del web

Consulenti, essere ambiziosi non basta

Consulenti, occhio alle facili occasioni sul petrolio

Consulenti, il Coronavirus non ferma le radiazioni

Garanzia statale, come avere il prestito in banca

Consulenti e reti, la rivoluzione dei canali digitali

Consulenti, il contributo annuale Ocf si paga a maggio

Consulenti, 5 regole d’oro per investire ai tempi del coronavirus

Consulenti, il vero virus che minaccia l’industria

Coronavirus, il cf sarà una piccola Amazon

Consulenti, ufficio vs smart working: i vantaggi e le fregature

Azimut lancia un nuovo strumento per aiutare le attività commerciali

Consulenti, c’è la luce in fondo al tunnel del Coronavirus

Consulenti e investitori, la pazienza è la virtù dei forti

Consulenti, una mano culturale contro il Coronavirus

Consulenti, un corso per profilare il comportamento del tuo cliente

Reti, basta slogan. La verità messa a nudo sui giovani consulenti

Consulenti, piccola guida per smascherare le fake news ai tempi del Coronavirus

Coronavirus, 12 misure per i consulenti

CheBanca!, un aiuto ai consulenti per il Coronavirus

Banca Mediolanum, insieme ce la faremo

Consulenti, un centralino per amico

Banca Mediolanum, 1 milione di buone azioni

Ti può anche interessare

Nicastro, scommessa fintech

Roberto Nicastro fa una nuova puntata sul fintech, dopo aver investito nella start up Yapily e aver ...

Top 10 Bluerating: Credit Suisse regna nelle infrastrutture

Le classifiche esclusive di Bluerating dedicate ai migliori prodotti del risparmio gestito disponibi ...

L’alba del nuovo consulente

Il mondo della consulenza compie in Italia i suoi primi 50 anni e, a ben vedere, rappresenta uno spe ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X