Mediolanum, nuova casa europea per i fondi

A
A
A
Avatar di Redazione 5 Dicembre 2019 | 14:59

Il gruppo Mediolanum si regala una nuova sede centrale europea dell’Asset Management a Dublino.  Le società irlandesi di Banca Mediolanum comprendono Mediolanum International Funds Limited (Mifl) e Mediolanum International Life Dac (Mil). Presente alla cerimonia di inaugurazione anche Michael D’Arcy, ministro irlandese per le finanze, la spesa pubblica e le riforme.

Mediolanum è presente a Dublino dal 1997. Come si legge nella nota ufficiale, Mifl è responsabile della progettazione, sviluppo, gestione degli investimenti e distribuzione di fondi di investimento venduti a circa 1,5 milioni di clienti in Italia, Germania e Spagna le cui esigenze finanziarie sono soddisfatte da oltre 5.200 Family Banker. Un team di investimento locale, composto da 40 persone, gestisce circa 42 miliardi di euro dall’ufficio di Dublino.

Mifl è il centro di ricerca e sviluppo (R&D) per la gestione degli investimenti all’interno del gruppo Mediolanum. Il suo processo di sviluppo prodotti (MedInSync) e il processo di investimenti (Med3) sono progettati per sviluppare e gestire soluzioni su misura per soddisfare le esigenze dei clienti. La società è anche nota per il suo programma di tecnologia innovativa, i suoi ingenti investimenti e competenze nel settore dell’AI (intelligenza artificiale /machine learning) e più recentemente della robotica (RPA).

Il personale di Mifl è cresciuto del 22% circa annui (CAGR) dal 1998 e attualmente conta 120 dipendenti impiegati direttamente in Irlanda con, in aggiunta, circa 100 risorse in outsourcing. Nel corso degli ultimi due anni, Mifl ha effettuato numerose assunzioni senior nell’ambito degli investimenti da parte di asset managers locali e internazionali. Per favorire la crescita futura, la società si è trasferita a maggio del 2019 in una nuova sede (circa 2.000 m³) nell’Exchange Building dell’International Financial Services Centre di Dublino (Ifsc). La società prevede inoltre di aumentare la propria forza lavoro ad oltre 140 dipendenti entro la fine del 2020.

Furio Pietribiasi, managing director di Mifl ha commentato: “Il valore strategico della nostra scelta di stabilirci a Dublino nel 1997 è stato completamente confermato negli anni. Infatti Dublino fornisce l’ecosistema ideale per trasformarsi in un centro di gestione patrimoniale di livello mondiale. La nostra evoluzione qui si è basata su una crescita sostenuta e ininterrotta. Oggi vogliamo proseguire ulteriormente in questo percorso di crescita, integrando le nostre attività di multi-manager e di sub-advisory con una maggiore attenzione all’espansione del nostro team e delle competenze nella selezione diretta dei titoli”.

Il ministro Michael D’Arcy ha commentato: “Mediolanum inizialmente si è unita a noi nell’IFSC nel 1997 e sono lieto di costatare che insieme alla loro capogruppo, Banca Mediolanum S.p.A, stanno ottenendo questi risultati e hanno in programma di aumentare i loro dipendenti fino a 140 nel 2020. Vorrei congratularmi con Mediolanum, in quanto testimonia il duro lavoro e il grande successo di cui hanno goduto negli anni in Irlanda ed è un forte indicatore della loro capacità e delle prospettive future della loro azienda. Quando fu fondata l’IFSC nel 1987, Mediolanum era il tipo di società finanziaria con cui l’Irlanda voleva fare affari e attirare in Irlanda, grazie al suo approccio innovativo alla gestione degli investimenti. Per oltre 30 anni, l’Irlanda ha costruito un settore dei servizi finanziari che ora comprende oltre 430 aziende e circa 44.000 dipendenti. Sono lieto che Mediolanum ne faccia parte”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Da Fineco a Mediolanum, chi c’è tra le best banks di Forbes

Banca Mediolanum, la raccolta lievita con gestito e polizze

Mediolanum, una nomina e più spazio a Dublino

Ennio Doris e il destino già scritto di Intesa-Ubi

Reti quotate, il dividendo resta in freezer

Banca Mediolanum, la raccolta mette la crisi all’angolo

Banca Mediolanum, la lode ai family banker in trincea

Risparmio gestito, Generali stacca tutti. Morgan Stanley e Mediolanum inseguono

Banca Mediolanum, a volte ritornano

Mediolanum potenzia la squadra dei gestori

Reti e remunerazione, promossi e bocciati per BlackRock

Mediolanum, Ennio Doris svela i suoi segreti

Banca Mediolanum, la raccolta tira col gestito

Mediolanum: Schroders e Fidelity per il nuovo fondo multi-manager

Raccolta: Fideuram mette tutti in fila

Consulenti: tutti i bonus dei big, rete per rete

Doris (Mediolanum): i Pir sono strumenti benedetti

Banca Mediolanum, uno spot nuovo di pacca per i Doris

Raccolta: Fineco è super, Mediolanum la tallona

Mediolanum AM, una nuova guida per l’azionario

Mediolanum, allarme di Ennio Doris sulla patrimoniale

Mediolanum, Ennio Doris in un webinar racconta che Italia Sarà

Investimenti, 6 strategie dei big delle reti a confronto

Risparmio gestito, trimestre impossibile a causa del Covid-19: Poste, Pictet e Ubs paladini della resistenza

Banca Mediolanum, dove investono i clienti

Reti, dopo le trimestrali è il momento dei confronti

Reti, dopo il Covid-19: Mediolanum, vicini ai family banker e ai clienti

Mediolanum, Doris sfida la crisi e alza l’asticella per i cf

Banca Mediolanum, raccolta sprint e l’utile resiste

Mediolanum, nuovi ingressi e doppio colpo da Copernico e Ubi

Banca Mediolanum, Double Chance per rispondere alla crisi

Il coronavirus non spaventa Doris

Coronavirus, l’ottimismo di Doris

Ti può anche interessare

Banche, cooperazione significa efficienza

Le banche cooperative che concentrano la propria attività sulla concessione di prestiti sono più e ...

Coronavirus, i risparmiatori italiani ancora molto pessimisti

Si dice quanto sia importare guardare la vita con un atteggiamento positivo e lo confermano anche di ...

Oggi su BLUERATING NEWS: Banca Generali recluta da Azimut

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X