Unicredit, come Padoan potrebbe portare in dote Widiba

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 14 Ottobre 2020 | 10:39
La nomina a presidente dell’Ex ministro dell’Economia avvicina Mps a Piazza Gae Aulenti e, di conseguenza, anche la banca rete guidata da Marco Marazia.

L’ex ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan sarà il nuovo presidente di Unicredit. Una notizia che può dire molto sulle future mosse della banca di Piazza Gae Aulenti, che potrebbe essere protagonista di una nuova puntata del risiko bancario nostrano. E, anche se non c’è un collegamento diretto, la banca rete Widiba, facente parte del gruppo Mps, questa mattina è un po’ più vicina all’universo Unicredit. Ci crede anche il mercato, visto che nella giornata di ieri il titolo di Mps è balzato in alto dell’8 per cento. Nelle scorse settimane, infatti, ci sono stati rumors insistenti di una possibile aggregazione tra la banca senese, ora controllata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze con oltre il 68%, e la seconda banca italiana. Jean Pierre Mustier, ceo di Unicredit, aveva negato la possibilità di M&A, ma l’avvento di Padoan alla presidenza apre nuovi scenari e renderebbe più probabile una riconferma al timone del manager anche per il triennio 2021-2023.

Come scrive Alessandro Graziani sul Sole 24 Ore, Padoan non è un presidente banchiere e quindi non avrebbe un profilo in grado di sovrapporsi con quello di Mustier. In più, è un fine conoscitore del dossier Mps, che da ministro ha seguito in prima persona. Padoan ha detto che rinuncerà al suo posto di parlamentare ed è probabile che faccia da ponte con il governo Pd-M5S che ha il problema di privatizzare l’istituto toscano. Questi tasselli andrebbero poi a unirsi con le altre indiscrezioni dei giorni scorsi anticipate dal quotidiano di Confindustria, che vedrebbero Unicredit incamminarsi verso la realizzazione di un subholding con all’interno le attività estere del gruppo da quotare alla Borsa di Francoforte. Se così fosse, la parte italiana di Unicredit incasserebbe le risorse necessarie per prendere la via della crescita dimensionale con l’acquisizione di Mps. E, a quel punto, Widiba sarebbe sul piatto d’argento.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Widiba, un pieno di educazione finanziaria

Widiba, un decano della consulenza rafforza la squadra abruzzese

Widiba, quando la gestione patrimoniale incontra l’etf

Widiba, un Desiderio per la Sicilia

Widiba, Di Ciommo nuovo presidente

Bluerating Awards 20, ecco chi sono i nominati per la categoria TOP ENTRY

Widiba, gli uffici cambiano faccia

Widiba, la banca emerge dalla brand identity

Widiba, ipotesi Unicredit per il futuro

Lutto nelle rete di Widiba: scomparso Riccardo Mercante

Widiba, una nomina e nuovi uffici a Salerno

Widiba, un consulente racconta come raggiungere la libertà finanziaria

Widiba e Mps, i clienti ai raggi X

Widiba, Marazia svela i perché del boom di raccolta e ricavi

Procapite, la squadra di Rebecchi trionfa

Widiba, utile ok e boom della raccolta

Consulenti, in bilico tra risiko bancario e nuova concorrenza

Widiba, un alleato tech per acquisire clienti

Pro capite, a maggio i migliori cf sono di Fideuram

Widiba e l’architettura delle scelte

Widiba, la consulenza si sposta in diretta live

Banche e reti, quali svettano tra le stelle digitali d’Italia

Widiba, ecco la nuova certificazione per i consulenti

Banca Widiba, quei bonus ai consulenti che fanno discutere

Widiba è tra i cinque nuovi soci di Aipb

Le banche-reti immuni (per ora) dal Coronavirus

Widiba, un nuovo linguaggio per i clienti

Banca Widiba, un consulente per riportare il buon umore

IWBank, colpo grosso in Widiba

Widiba, colpaccio tra i consulenti lombardi

Widiba, prosegue il cammino virtuoso della consulenza

Consulenti, il nuovo peso politico delle mandanti

Consulenti, la top 10 dei più votati e alcune grandi assenze

NEWSLETTER
Iscriviti
X