Certificati, investitori retail ancora rialzisti sugli indici Usa

A
A
A
di Redazione 5 Ottobre 2021 | 10:15

Spectrum Markets, il mercato paneuropeo dei certificati, ha pubblicato i dati riferiti al mese di settembre del SERIX, il sentiment degli investitori individuali europei, che mostrano un atteggiamento rialzista sui tre principali indici azionari statunitensi.

Gli indicatori mensili del sentiment SERIXTM per S&P 500, DowJones e Nasdaq 100 si sono collocati tutti in territorio rialzista per la prima volta da un anno a questa parte, con il sentiment sull’S&P 500 che ha anche raggiunto un massimo a 12 mesi di 103 a settembre. Il volume di scambi su questi sottostanti ha avuto un picco il 20 settembre, prima della riunione mensile della Federal Reserve, ed è tornato a livelli normali verso la fine del mese.

“L’economia statunitense si sta riprendendo dalla pandemia, e i nostri dati SERIXTM sui tre principali indici statunitensi suggeriscono un sentiment positivo portato dall’annuncio del cambio di politica monetaria da parte della Fed “, spiega Michael Hall, Head of Distribution di Spectrum Markets.

“Norges Bank, la banca centrale norvegese, ha già iniziato ad alzare i tassi di interesse e ci sono un paio di indicazioni che altre banche centrali seguiranno questo esempio. La Fed probabilmente inizierà ad alzare i tassi di interesse entro il prossimo anno per stabilizzare il più grande mercato azionario del mondo ed evitare qualsiasi bolla. Questo aumenterà di nuovo la fiducia degli investitori individuali nel mercato. Probabilmente molti di loro avranno già calcolato questo, cosa che si può vedere con tutti e tre gli indici”, aggiunge Hall.

“Il confronto tra il SERIXTM e l’andamento degli indici statunitensi rivela il duplice background degli investitori individuali: mentre alcuni cercano di vendere azioni a causa dell’aumento dell’indebitamento delle aziende, altri vedono crescenti opportunità soprattutto per i titoli di qualità. Entrambi i gruppi di investitori generano elevati volumi di scambi, così come abbiamo osservato nei nostri dati. Ad esempio, prima della riunione della Fed del 21 settembre, tutti e tre gli indici si sono mossi al ribasso, mostrando chiaramente il nervosismo degli investitori che si aspettavano un’ulteriore stretta della politica della banca centrale Usa. Questo movimento al ribasso, tuttavia, ha creato molte opportunità di ingresso per gli investitori che sono andati lunghi nello stesso momento”, fa poi notare Hall.

Durante il mese di settembre, su Spectrum sono stati scambiati 77,8 milioni di certificati, con il 34,9% degli scambi avvenuti al di fuori dell’orario tradizionale (ovvero tra le 17:30 e le 9:00). L’86,5% degli strumenti scambiati è collegato agli indici, il 7% alle coppie di valute e il 5,8% alle materie prime, mentre i primi tre sottostanti per volumi sono stati il DAX 40 (27,2%), il NASDAQ 100 (15,9%) e l’OMX 30 (15,6%).

Guardando i dati SERIXTM per i tre principali sottostanti, il DAX 40 ha confermato un trend di sostanziale neutralità che permane da quasi cinque mesi, passando dal 99 dello scorso mesi a 102, mentre il NASDAQ 100 è proseguito in territorio rialzista. Nel frattempo, l’OMX 30 si è attestato a 99.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Certificati, fare trading sui green credit con i leva fissa di Societe Generale

Certificati, da Intermonte e Goldman ecco il primo prodotto sulle eccellenze del made in Italy

Certificati, da Vontobel un Tracker sul settore della cosmesi

NEWSLETTER
Iscriviti
X