Perché il mercato fa meglio dei gestori

A
A
A

La differenza media è del 2,5%. Colpa dei costi. Ma anche del timing di entrata e uscita sui titoli.

di Redazione4 giugno 2014 | 07:52

NECESSITA’ MATEMATICA – Pubblichiamo alcuni stralci di un interessante articolo di Alessandro Pedone, pubblicato dal sito www.aduc.it, sul rapporto tra le performance del mercato e quella dei gestori attivi. La media dei fondi comuni d’investimento, anno dopo anno, fa peggio dei mercati di riferimento. Questo non perché i gestori siano tutti un branco di incapaci. Tutt’altro. Il fatto è che non possono fare diversamente. È una necessità matematica che la media di coloro che fa gestione attiva abbia rendimenti netti inferiori alla media del mercato.

L’IPOTESI – Per comprendere il punto ipotizziamo che il mercato sia composto da due categorie di investitori, quelli che fanno gestione passiva (acquistano una porzione dell’intero mercato senza mai cambiare) e quelli che fanno gestione attiva (quindi cambiano costantemente i titoli nei quali investire in base a presunte capacità di selezionare gli investimenti migliori). Gli investitori che scelgono una politica di gestione passiva avranno un rendimento esattamente pari alla media del mercato. È matematico. Ma se questo è vero, come è vero, anche l’altra categoria di investitori, nella media, avrà il rendimento medio del mercato con la differenza che mentre tutti gli investitori passivi avrà ottenuto lo stesso risultato, gli investitori attivi avranno ottenuto una grande varietà di risultati che mediamente sarà la stessa degli investitori passivi.

STOCK PICKING – A ben guardare, però, c’è un’altra differenza fondamentale. Per vendere e comprare titoli, gli investitori attivi subiscono molti costi (costi informativi, costi di transazione, commissioni varie, ecc.). Questo significa che, mediamente, il rendimento netto degli investitori attivi sarà peggiore di quello degli investitori passivi. Questo ragionamento vale per lo stock-picking (cioè la presunta capacità di selezionare i migliori titoli del mercato) mentre non vale per il così detto market timing, cioè la presunta capacità di entrare quando i prezzi sono bassi ed uscire quando i prezzi sono alti.

LA COSA PEGGIORE – Purtroppo, se è vero che i fondi comuni d’investimento (quelli che non devono investire in un determinato mercato e quindi hanno un limitatissimo margine per fare “market-timing”) mediamente devono fare peggio dei loro mercati di riferimento è anche vero che, secondo tutte le analisi, questa non è la cosa peggiore. La cosa peggiore è che gli investitori entrano ed escono da questi fondi nel momento sbagliato ottenendo, mediamente, un rendimento ben peggiore rispetto a quello conseguito dal fondo (già inferiore a quello di un fondo a gestione passiva).

RENDIMENTI A CONFRONTO – Secondo gli ultimi dati di Morningstar negli ultimi dieci anni, la differenza fra il rendimento conseguito dai fondi e quello effettivamente conseguito dagli investitori è stata di circa il 2,5% medio annuo. Perdere il 2,5% medio annuo per dieci anni è una cifra spaventosa! Significa avere un capitale più basso di circa un quarto. Sicuramente un danno maggiore di quello che può fare, in media, la gestione attiva rispetto a quella passiva.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Vontobel AM rafforza la squadra obbligazionaria

Fondi, fuga dagli emergenti

Capitali, come portarli all’estero (legalmente)

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Fondi passivi sostenibili, la strada è ancora lunga

Rompere gli schemi dell’asset allocation

Fondi, se resta solo la commissione di performance (o quasi)

Strategie multi asset per mantenere la rotta

Syz AM, un miliardo di motivi per sorridere

Fondi, la commissione di gestione è sotto pressione

Fidelity, you pay…less

Multi asset, una passione in evoluzione

SdR18/Bottillo (Natixis IM): “Attivi, what else?”

SdR18/Giorgi (Blackrock): “Il nostro Universe”

La raccolta ci mette l’Anima

Caso Vegagest, due ipotesi e un silenzio assordante

Assogestioni: Carreri vicepresidente con il nuovo budget

La guerra dei fondi

Asia più forte per La Francaise

SdR18, via libera per le conferenze

Fondi, rivoluzione Fidelity

Kid, i problemi fanno slittare la notifica alla Consob

Petrolio in ascesa, la bussola per gli energetici di AcomeA

Fondaco, un nuovo fondo equity income

Anima e Poste, un accordo dai tre volti

Mediobanca, ai fondi la maggioranza (relativa) nell’assemblea

Anima, bene trend di raccolta malgrado riassetto distributivo

Fondi, La Française lancia nuovo fixed maturity

Fondi, in Europa è già record

Credit Suisse, ecco i due fondi che guardano al futuro

I fondi private scelgono l’Africa

Fondi italiani, in 32 anni più oneri che rendimenti

Al via ReFees, la startup che fa risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

Ti può anche interessare

Allfunds Bank, volano gli asset intermediati

Il valore complessivo dei fondi negoziati sulla dalla nota piattaforma ha superato i 350 miliardi di ...

Exante lancia XAI, il primo fondo di altcoin al mondo

L’indice XAI è costituito dalle principali criptovalute: Litecoin, Ripple, Ethereum, Monero, Zc ...

BlackRock, 5 fondi di fondi in rampa di lancio

Il colosso dell’asset management punta su una nuova gamma di prodotti in vista del 2018. Presentat ...