Fondi Europa: assorbe la scossa?

A
A
A
di Roberto Dotti 25 Settembre 2008 | 12:00
Secondo le previsioni del Fmi, ammontano a 1300 miliardi di dollari, per il momento, le perdite derivanti dalla crisi dei mutui subprime americani. Ad oggi perdite e svalutazioni ammontano a 500 miliardi di dollari, a cui si aggiunge il piano di salvataggio dei mercati finanziari per 700 miliardi di dolari, ma il Fmi ritiene che il peggio debba ancora arrivare.

L’analisi dei migliori e peggiori comparti inclusi nell’area azionari Europa vede il fondo MLIIF European Equity Fund in vetta alla classifica nella settimana che va dal 12 al 19 settembre con una performance positiva del +1,5%.

Il comparto, lanciato nell’ottobre 2005, gestisce un patrimonio di 40 mln di euro e ha registrato una performance YTD negativa -23,9%.
Il benchmark di riferimento è il MSCI Europe Net Return Index.

Il comparto investe almeno due terzi del suo patrimonio complessivo (ad esclusione dei fondi liquidi) in azioni e in altri titoli affini, come quote di imprese cooperative e certificati di partecipazione (rappresentativi di azioni e diritti azionari), certificati di godimento, warrant su azioni qualificate come valori mobiliari e diritti azionari emessi da società domiciliate o che esercitano una parte importante della loro attività economica in Europa.

L’Europa, che come è noto reagisce dopo circa 6-9 mesi a quello che succede dall’altra parte dell’Atlantico, deve prepararsi all’emergenza, anche se la salute degli istituti di credito europei dovrebbe, con tutti i condizionali del caso, essere migliore.

Per questo motivo le principali banche centrali (di America, Europa, Inghilterra, Giappone, Australia e Russia) hanno deciso di iniettare liquidità nel mercato per alleviare le tensioni derivanti dall’ulteriore scossa delle scorse settimane scatenata dal fallimento di Lehman.

Nell’ultimo mese il MSCI in Europa ha perso il 10,2% ma gli analisti sono abbastanza fiduciosi.
In Gran Bretagna, per esempio, le vendite al dettaglio di agosto sono aumentate per il secondo mese consecutivo. Rayanair ha annunciato di raggiungere il pareggio di bilancio grazie alla diminuzione del prezzo del petrolio.

Ovviamente è sconsigliato l’investimento nel settore bancario perchè ci si potrebbe trovare tra le mani le azioni di un istituto in fallimento, ma ci sono segnali positivi anche se per la vera ripresa dovremo ancora aspettare.

I MIGLIORI FONDI AZIONARI DAL 12/09 AL 19/09

Valuta fondo percentuale
USD MLIIF EUROPEAN FOCUS FUND 1,44%
EURO AMEX EUROPEAN EQUITIES 1,05%
EURO NORDEA 1 CENTRAL & EASTERN EUROPEAN EQUITY FUND 0,97%
USD MS EUROZONE EQUITY OPPORTUNITIES FUND 0,74%
EURO DB PLATINUM IV EURO GROWTH 0,59%

I PEGGIORI FONDI AZIONARI DAL 12/09 AL 19/09

Valuta fondo percentuale
EURO SELLA SICAV LUX EUROPEAN SMALL CAP EQUITY -9,09%
EURO EUROMOBILIARE IFS ITALIAN EQUITY -8,10%
EURO MEDIOLANUM CHALLENGE ITALIAN EQUITY -7,85%
EURO SELLA SICAV LUX ITALIAN EQUITIES -7,56%
EURO NEW MILLENNIUM NORDSUD PAN EUROPEAN EQUITY -7,44%

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi comuni – L'America e le trimestrali

NEWSLETTER
Iscriviti
X