I dati macro deludono New York

A
A
A
di Luca Spoldi 1 Ottobre 2015 | 15:32

Indice Ism manifatturiero più debole delle previsioni e Wall Street, che ormai attende di mese in mese il primo rialzo dei tassi, sembra delusa. In recupero T-bond e petrolio

NEW YORK DELUSA DAI DATI MACRO – Seduta apatica a Wall Street, delusa dall’indice Ism manifatturiero di settembre (sceso a 50,2 punti da 51,1 punti del mese precedente e contro attese di consensus pari a 50,8), con gli indici dopo oltre un’ora e mezza di lavoro si mantengono poco sotto la chiusura precedente col Dow Jones a -0,58%, l’S&P500 che oscilla a -0,37%, il Nasdaq in rosso dello 0,64% e le small cap del Russel 2000 che resistono a -0,15%.

BOND E PETROLIO IN RECUPERO – Dal canto loro i T-bond traggono beneficio dal dato macro e mentre il mercato sembra convincersi che la Federal Reserve attenderà o dicembre o gennaio per alzare eventualmente i tassi (la probabilità implicita nei tassi forward è in entrambi i casi attorno al 43%) vedono il rendimento del decennale scivolare sul 2,03% e quello del trentennale sul 2,84%. L’oro resta a 1.116,2 dollari l’oncia (un dollaro meglio di ieri), l’argento recupera quota 14,6 dollari (8 centesimi di guadagno) e il petrolio ritorna sui 46,56 dollari al barile, circa un dollaro e mezzo meglio della vigilia.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, settori: ecco vincitori e vinti da inizio 2021

Mercati: ecco come funziona la correlazione tra la disoccupazione e Wall St.

Asset allocation, Wall Street: ecco vincitori e vinti dall’annuncio del vaccino

NEWSLETTER
Iscriviti
X