Milano riparte brindando all’accordo fiscale negli Usa

A
A
A
di Redazione 2 Gennaio 2013 | 09:52

Nella mattinata, gli indici sono apparsi in forma grazie alla notizia giunta nelle ultime ore. Bene i bancari ma anche la galassia Unipol-FonSai, Saipem e Stm.


MATTINATA TONICA PER MILANOPiazza Affari inizia la prima seduta dell'anno con il segno più dopo l'accordo negli Stati Uniti destinato a evitare il fiscal cliff, ossia una serie di rincari fiscali e di tagli alla spesa che, se si fosse realizzato, avrebbe seriamente minacciato di trascinare la prima economia mondiale verso la recessione. Subito dopo l'apertura, gli indici milanesi festeggiano la notizia arrivata nella notte, come segnala l'agenzia di stampa Reuters, con rialzi attorno ai due punti percentuali.

BENE LE BANCHE, MA NON SOLO – Bene UniCredit, in rialzo dello 3% nel giorno in cui diventa operativo il progetto di riassetto del gruppo, e Intesa Sanpaolo, a +2,8%. Bene anche le popolari e Mps. Quest'ultima la scorsa settimana ha concluso la cessione della partecipazione del 60,42% nel capitale sociale di Biverbanca alla Cassa di Risparmio di Asti. Tonica la galassia Unipol-FonSai. In luce anche gli energetici, soprattutto Saipem. La società petrolifera statale dell'Azerbaijan Socar ha selezionato un consorzio composto da Saipem e da altre aziende per costruire una raffineria ad Aliaga, nell'ovest della Turchia. Positiva anche Stm.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti