Creval, soci in assemblea per varare aumento da 700 milioni

A
A
A
di Luca Spoldi 19 Dicembre 2017 | 16:04

Creval in ripresa a Piazza Affari

Occhi puntati sul Credito Valtellinese (Creval), che oggi guadagna il 2,8% a 1,249 euro per azione dopo aver segnato un massimo di 1,27 euro in mattinata, dopo l’avvio dei lavori dell’assemblea dei soci chiamata a deliberare sull’aumento da 700 milioni di euro che dovrebbe partire entro il prossimo mese di febbraio.

Assemblea ha avviato i lavori

Il quorum minimo necessario per il regolare svolgimento dell’assise (che lo statuto fissa al 20%) è stato ampiamente superato, grazie alla presenza di poco superiore al 30% del capitale. Perché l’aumento venga varato è necessario il voto favorevole dei due terzi degli azionisti presenti, ossia in questo caso di almeno un 10% del capitale e visto che il socio principale, la holding lussemburghese Dgfd (col 5,784%) che fa capo all’imprenditore francese Denis Dumont, ha già espresso il suo assenso, non dovrebbe essere difficile centrare l’impresa.

L’incognita dei piccoli azionisti

Sarà tuttavia necessario riuscire a coinvolgere un buon numero di azionisti retail perché l’operazione abbia successo: a loro fa infatti capo il 65% circa del capitale di Creval, mentre un ulteriore 16% abbondante risulta in meno a fondi e investitori istituzionali, alcuni dei quali sono sembrati particolarmente interessati a partecipare all’operazione, come il fondo tedesco Mainstream Capital, che indiscrezioni di stampa vogliono pronto a sottoscrivere un 2%-3% (pari ad un investimento di 15-20 milioni di euro), o il gruppo statunitense Cerberus, specializzato in asset “distressed” che potrebbe puntare ad un 5%-6%.

Mediobanca e Citigroup pronte a coordinare l’aumento

Ad assistere all’operazione dovrebbero essere Mediobanca e Citigroup, la prima nelle vesti di global coordinator e bookrunner, la seconda quale co-global coordinator e joint-bookrunner; entrambe hanno già sottoscritto un accordo di pre-underwriting, ma devono ancora siglare un’intesa di underwriting vincolante in termini di sottoscrizione dell’eventuale inoptato. Impegno che nel caso dell’aumento (meno oneroso in quanto di 500 milioni) di Banca Carige si è rivelato indispensabile per il buon esito di un’operazione che, come anche nel caso di Creval, era necessaria per accelerare la pulizia del portafoglio come richiesto dalla Bce.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Carige, anni di crisi e futuro incerto

Codacons, class action contro Banca Carige

Consulenza e private banking, la svolta di Banca Carige (e Cesare Ponti)

NEWSLETTER
Iscriviti
X