In arrivo stangata elettrica sulle seconde case: chi consuma meno spende di più

A
A
A
di Raffaello Mascetti 11 Luglio 2017 | 08:58

E’ tutto in proporzione, ma resta comunque una fregatura. Chi consuma meno elettricità, spende di più. Chi invece ne consuma di più , spende meno.
E’ la novità, dettata dalla riforma delle bollette elettriche varata dall’Authority, che attende chi è proprietario di una seconda casa.

Secondo le nuove norme sulle seconde case, aumenta il peso della quota fissa sugli oneri di sistema, quella voce delle bollette che serve a ripagare i costi degli incentivi alle rinnovabili o dello smantellamento del nucleare. La riforma, scrive il sito www.firstonline.info, è scattata dal 1° gennaio 2016 ma ha fatto sentire i suoi effetti in modo più stringente dal 1° gennaio di quest’anno quando la quota fissa sugli oneri di sistema è passata a 135 euro più Iva all’anno (secondo l’aggiornamento tariffario dei primi tre mesi), poi ridotta a 127,4 euro nel secondo e terzo trimestre.

Secondo un indagine condotta da Ref Ricerche per Sole 24 Ore le seconde case con consumi bassi si sono così trovate a pagare bollette superiori anche del 50%, mentre le seconde case con consumi alti pagheranno in media il 12% in meno rispetto al periodo ante-riforma.

La scelta, articolata dall’Authority su indicazione politica del governo, è molto chiara: nell’obiettivo di orientare le bollette al costo effettivo dell’energia, si è cercato di privilegiare le aziende energivore ed esportatrici; insieme alle famiglie meno abbienti o comunque residenti. A loro l’energia costa meno mentre ai non residenti, agli artigiani, professionisti e commercianti costa di più. Giusto o sbagliato non è così facile dirlo perché la transizione energetica in atto potrebbe alla fine se non proprio bilanciare il conto, almeno attenuarne gli effetti più sperequativi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Pechino frena i colossi dell’online shopping cinese

Esma sotto la lente

Banche a caccia di spiccioli, alla faccia dei correntisti

NEWSLETTER
Iscriviti
X