Azionario, ottime opportunità nel segmento Small e Mid cap Europeo

A
A
A
di Finanza Operativa 4 Agosto 2017 | 19:00

A cura di Charlie Anniss, Small and Mid-Cap Portfolio Manager, European Equities team, di Ubp

Da inizio anno, il segmento delle small e mid cap ha avuto vento in poppa secondo gli investitori. L’universo delle smid cap, in quanto maggiormente esposto ai mercati interni, presenta una serie di opportunità in Europa.

Il mercato delle società a piccola e media capitalizzazione è spesso coperto in maniera insufficiente dagli analisti che preferiscono concentrarsi piuttosto sulle large cap. Per le aziende con una capitalizzazione di mercato superiore ai 10 miliardi di euro è piuttosto comune ricevere 20 o più raccomandazioni da parte degli analisti, spesso anche più di trenta. È difficile in un contesto simile far leva su alcuni aspetti che non siano già stati presi in considerazione dal mercato.

Ciò detto, quei titoli che hanno una capitalizzazione al di sotto del miliardo di euro a malapena compaiono sul radar di più di 5 analisti. Di conseguenza, alcune gemme nascoste sono state ignorate dagli investitori in quanto la circolazione di informazioni in questo universo appare molto meno dinamica di quella presente nel segmento delle large cap.

Ciò significa che il mercato resta relativamente inefficiente e ciò ha creato significativi spread di valutazione e quindi un buon numero di opportunità.

Il mercato europeo delle small e mid cap offre anche un bel po’ di diversità tra i paesi. Inoltre, al fine di individuare le società più attraenti, è preferibile avere strumenti che consentano di svolgere uno screening quantitativo efficiente al fine di poter coprire questo universo composto da centinaia di società. Tale processo di screening deve essere in grado di selezionare quelle imprese che offrono prospettive di crescita interessanti, rendimenti elevati, bilanci solidi e abbastanza liquidità da consentire agli investitori di trarre vantaggio da anomalie dei prezzi.

Nel 2016, le principali società europee hanno leggermente sovraperformato le smid (di circa il 2%), ma dall’inizio del 2017 queste ultime stanno assistendo a performance migliori sul mercato rispetto alle large cap (+10,48% al 30 giugno per l’MSCI Europe Small Cap, in confronto al +6,68% per l’MSCI Europe). Anche gli utili delle società a piccola e media capitalizzazione sono aumentati rispetto a quelli delle società più grandi l’anno scorso. Le economie europee stanno godendo di condizioni più favorevoli (i PMI sono buoni), grazie alla riduzione dei rischi politici (come la vittoria di Macron in Francia). Tuttavia, le società a media capitalizzazione sono maggiormente esposte al mercato interno dell’Eurozona e sono più concentrate su attività cicliche, siano esse industriali o tecnologiche. Hanno inoltre una grande presenza in nicchie di mercato, per cui risentono in maniera meno marcata di potenziali pericoli presenti nell’economia globale e ciò è un fattore che non è sempre riconosciuto correttamente dal mercato.

In breve, le condizioni macro e micro-economiche restano favorevoli per questo segmento. Malgrado una crescita recente, i livelli delle valutazioni rimangono perfettamente ragionevoli. Ci sono ancora diverse opportunità, in particolare tra le aziende francesi, spagnole e irlandesi, purché questo universo così ricco – spesso non coperto in maniera sufficiente da analisti specializzati – possa essere filtrato in maniera appropriata.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: un’Europa ancora a sconto

Asset allocation, banche europee: trimestre super ma il meglio deve ancora venire

Asset allocation: i punti fermi dell’azionario europeo

NEWSLETTER
Iscriviti
X