Jpm, BofA e Citi bloccano gli acquisti di Bitcoin. Che però recupera terreno

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 8 Febbraio 2018 | 17:00

In un momento di (seppur parziale) fuga di capitali dall’equity è curioso il tempismo delle principali banche d’affari statunitensi, JPMorgan Chase, Bank of America e Citigroup, che annunciano un blocco dei pagamenti dalle carte di credito per acquistare criptovalute. Goldman Sachs rincara la dose aggiungendo che il comparto delle monete virtuali è destinato ad andare a zero, per la mancanza di un valore intrinseco e le difficoltà nel trovarne un’utilità, per via di costi alti, tempi di transazione lunghi e rischi per la sicurezza. Dichiarazioni che spiegano, almeno in parte, la debolezza del Bitcoin e del resto del comparto che hanno registrato flessioni profonde negli ultimi giorni.

Analisi tecnica. Dopo aver testato il supporto statico posto in zona 6.155, il Bitcoin ha provato a invertire al rialzo la rotta. Ma per assistere a un ulteriore recupero sono indispensabili ulteriori conferme. A cominciare dal superamento a quota 9.180 della resistenza statica di breve-medio termine. Oltre questo ostacolo i successivi target diventerebbero poi 10.000/10.540, livello quest’ultimo dove al momento transita la media mobilea 50 sedute. Sotto la soglia a 7.500 porobabile per contro una nuova discesa verso 6.155 prima e in area 5.000 in seguito.         G.R.

Clicca sul grafico per ingrandirlo
chart

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: eventuali ribassi saranno limitati al breve termine

Borse internazionali, lo scenario tecnico della settimana

Mercati: guai a volere anticipare eventuali ribassi dei listini

NEWSLETTER
Iscriviti
X