Verso un anno più robusto per i mercati emergenti: le previsioni di Pictet AM

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 7 Gennaio 2020 | 15:00

A cura di Anjeza Kadilli, Economist di Pictet Asset Management

Dopo una performance poco brillante nel 2019, ci aspettiamo che il 2020 metta a segno un cambio di passo per la crescita del Pil nella maggior parte dei mercati emergenti. In particolare, riteniamo che la Turchia registrerà il rimbalzo della crescita maggiore, dopo 18 mesi difficili. Al secondo posto l’Argentina, in cui prevediamo ancora una crescita del Pil negativa, ma di portata molto inferiore rispetto al 2019.
Ovviamente, entrambi questi mercati rimangono in condizioni economiche difficili, ma nel complesso il quadro per i Paesi emergenti è migliore, a sostegno della nostra visione rialzista.

In effetti, come indica il grafico sotto riportato, prevediamo che tutti i mercati emergenti, tranne l’Argentina, riporteranno una crescita del Pil reale positiva nel 2020.

L’Asia rimarrà il motore della crescita per i mercati emergenti

Con un’analisi più approfondita a livello regionale, riteniamo che l’Asia (Giappone escluso) rimarrà il motore della crescita dei mercati emergenti, nonostante il rallentamento della crescita cinese. L’America Latina e l’area EMEA, dal canto loro, stanno prendendo quota, ma per loro si prevede ancora una crescita del PIL pari a circa la metà rispetto a quella dell’Asia.

Inflazione sotto controllo

Un ulteriore fattore positivo per i mercati emergenti nel 2020 è dato dal contesto di inflazione relativamente favorevole, ad eccezione dei valori anomali di Argentina e Turchia (nella prima l’inflazione dovrebbe essere prossima al 50% nel prossimo anno).

Pensieri conclusivi: le esportazioni dei mercati emergenti si sposteranno verso la Cina?

Un grafico interessante da osservare è quello sotto riportato, che riporta le percentuali di esportazione dei mercati emergenti verso le due principali economie mondiali: Stati Uniti e Cina. Le tensioni commerciali tra questi due Paesi porteranno a un superamento o a un restringimento del divario nel 2020? A nostro parere, si verificherà un restringimento e la Cina diventerà una fonte di esportazioni sempre più importante per i mercati emergenti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: ecco le perle dell’India

Investimenti, dagli emergenti più fiducia in un boom economico globale

Mercati, è il momento di guardare agli emergenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X