Scozia, al via processo legale per nuovo referendum

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 13 Marzo 2017 | 15:36

SCOZIA PREPARA NUOVO REFERENDUM – Il premier scozzese Nicola Sturgeon ha annunciato l’avvio del processo legale per preparare un secondo referendum indipendentista, ma per il momento la notizia non scuote più di tanto la sterlina che finora sembra aver rimosso il rischio di una separazione della Scozia dal Regno Unito in conseguenza della Brexit. Il nuovo referendum dovrebbe tenersi tra l’autunno 2018 e la primavera 2019, in tempo dunque per evitare a Edimburgo di dover seguire Londra fuori dal mercato comune europeo.

SCENARIO MOLTO PIU’ INCERTO CHE NEL 2014 – Prima del referendum del 2014 che vide la netta vittoria degli unionisti rispetto agli indipendentisti, alcune analisi suggerivano la possibilità che la sterlina perdesse sino al 10% contro dollaro nel caso di una vittoria degli indipendentisti. Da allora tuttavia la Brexit ha cambiato completamente il quadro di riferimento, essendo la valuta britannica calata già del 18% abbondante contro il biglietto verde. Rispetto a tre anni or sono, la possibilità di una separazione della Scozia dal Regno Unito sembrano molto più alte, con un primo sondaggio pubblicato dalla stampa scozzese che vede i favorevoli al rimanere nel Regno Unito al 52%, contro un 48% di favorevoli all’indipendenza da Londra.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Crisi in Catalogna, Axa IM si interroga sulle implicazioni per chi investe

Rating sovrano italiano confermato da S&P’s, per ora

Mps soffre ma non crolla nel dopo referendum

NEWSLETTER
Iscriviti
X