Titoli di Stato, offrono ancora una copertura contro i rischi?

A
A
A
di Stefano Fossati 17 Settembre 2020 | 13:15

A cura di Andrej Kuznetsov, Senior Portfolio Manager per la divisione internazionale di Federated Hermes

Non è mai facile adattarsi alle continue evoluzioni delle condizioni di mercato, né tantomeno mettere da parte determinati assunti che hanno funzionato per un lungo periodo di tempo. Nel passato, le banche centrali hanno trovato metodi innovativi per sostenere l’economia e i mercati, aiutate da un ambiente caratterizzato da bassa inflazione, portando a un contesto di tassi d’interesse bassi per un lungo periodo e a un vero e proprio sostegno al mercato del credito, sia fronte governativo sia corporate.

Il punto oggi è se la nuova normalità post pandemica modificherà il più vecchio escamotage dei manuali per gli investitori, vale a dire quello di coprire il rischio con i titoli di Stato. Se da lato tale sistema ha funzionato relativamente bene nel corso del primo trimestre di quest’anno, dall’altro c’è da notare come da allora in poi i tassi si siano mossi all’interno di un intervallo stretto, dato il rally sia del mercato azionario sia del credito.

Anche l’aumento della volatilità, degli spread bid-offer e la revisione del rapporto di correlazione tra titoli di Stato e mercati azionari nel mese di marzo non hanno di certo contribuito a fare del Treasury un porto sicuro nelle fasi di marcato drawdown.

Sul fronte tassi non abbiamo riscontrato una risposta concreta anche durante l’ultimo sell-off azionario (l’high yield ha retto relativamente bene, a causa delle differenze proprie della sua stessa composizione settoriale e dell’appeal che esercita in un contesto di ricerca di spread).

Solo il tempo sarà in grado di farci valutare l’efficacia dei tassi nel fornire protezione all’interno di questo nuovo contesto. Ma, come minimo, gli investitori obbligazionari devono cercare nuovi modi per difendersi dalle fasi di calo, sia che si tratti di adottare un approccio più flessibile e ad alta convinzione al credito sia che si tratti di fare ricorso a nuovi strumenti come le opzioni a copertura dei rischi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X