Art Advisory – Le aste autunnali di Farsettiarte

A
A
A
di Biagio Campo 15 Novembre 2010 | 08:00
Capolavori italiani ed esteri, in aggiunta a numerosi quadri al di sotto dei 10.000 euro, in asta a Prato il 26 e 27 novembre. Una selezione di opere è in esposizione a Milano.

Come al solito estremamente complete e varie, con 800 lotti di autori sia italiani che esteri, ed opere con costi in grado di soddisfare i vari profili dei collezionisti, si terranno a Prato, venerdì 26 e sabato 27 novembre, le aste autunnali di dipinti, disegni, sculture, grafica, di arte moderna e contemporanea, della casa d’asta italiana.

Pablo Picasso è rappresentato con numerosi lavori, tra cui spicca il disegno “Femme accroupie au chat”, con una stima di 50.000/80.000 euro. Realizzato nel 1954 è un esempio lampante di come un semplice gesto, reso con pochi tratti veloci, divenga a pieno titolo capolavoro, portatore di simboli e significati reconditi, celati sotto un’apparente linearità. Disegni realizzati come rapide impressioni, disegni come gioco, immagini che tracciano una linea in punta di penna su tovagliette di ristoranti, su taccuini o su lettere di amici si trovano lungo l’intero arco della vita dell’artista. Il disegno ha un posto essenziale nell’opera di Picasso, uno dei più ricchi e prolifici disegnatori di tutti i tempi. Perfino i critici più feroci hanno sempre riconosciuto a questi il genio del disegno.

Tra gli autori italiani, spicca il “Cortile di via Fondazza”, capolavoro del 1954 di Giorgio Morandi, con una valutazione di 480.000/600.000 euro. L’opera ben rappresenta l’arte del pittore bolognese, ovvero un recupero, partito quasi in silenzio, nella riduzione scarna della pittura ai suoi soli elementi costitutivi: la luce, lo spazio, veri generatori del colore e del volume, la negazione degli effetti ottici e illusionistici, il ritorno alla grammatica primordiale delle cose. Il cortile della casa del cuore è visto insieme come luogo della ragione e di sentimenti dismessi, una sorta di “cantiere delle solitudini”, per riprendere una eccezionale immagine della prosa di Carlo Emilio Gadda.
Nessun pittore italiano di paesaggio è riuscito ad eguagliare questo interno, così vuoto eppure intensamente lirico, di case di città che chiudono uno spazio, appunto un cortile in cui unico accesso e uscita pare la solitaria porta in cima alla scaletta.


“La realtà deve essere presente nell’opera, ne è la materia prima. Nessun tipo di arte può dare un’emozione se non vi si mischi una parte di realtà. Così sottile e impalpabile che sia tale illusione, è tuttavia come la chiave dell’opera. La rende leggibile; ne illumina il significato, schiude la sua realtà profonda, essenziale, alla sensibilità che è la vera intelligenza. Non si fa altro che reinventare ciò che è, restituire in sfumature emotive la realtà che è insita nella materia, nella forma, nel colore; risultati dell’effimero risolti in ciò che non muta più” con queste parole Jean Fautrier nel 1957 evidenzia l’indissolubile legame tra le ispirazioni che la realtà offre e la volontà di modificare il tangibile secondo la propria intima interpretazione. Fautrier, importante esponente dell’arte informale francese, è presente nell’asta di Farsettiarte con “Composizione”, realizzata nel 1962, con una stima di 240.000/350.000 euro.

Tra le numerose opere con valutazione meno impegnative, citiamo “Senza titolo”, di Marco Tirelli, con una valutazione di 9.000/12.000 euro.

Una selezione delle opere sarà visibile, dal 12 al 17 novembre a Milano, alla Casa Manzoni, in via Morone 1 ed in contemporanea presso la sede di Farsettiarte in via Manzoni.
Tutti i lotti presentati nelle due aste saranno invece esposti, dal 20 al 27 novembre, nella sede di Prato della casa d’asta.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X