Fca prova a far ripartire i diesel negli Usa

A
A
A
di Luca Spoldi 12 Luglio 2017 | 16:32

FCA SPERA IN CERTIFICAZIONE EPA – Fiat Chrysler Automobiles (oggi in rialzo dello 0,6% a Piazza Affari) avrebbe richiesto già a maggio la certificazione Epa per i modelli per il 2017 dei suoi veicoli diesel venduti negli States, dopo mesi di discussioni con le autorità Usa in merito al software per il controllo delle emissioni dei suoi motori. Le soluzioni proposte per ora non hanno indotto il Justice Department a ritirare la sua causa contro il produttore italo-americano, accusato di aver utilizzato software illegale per “truccare” i test relativi alle emissioni di sostanze inquinanti. L’Epa potrebbe tuttavia decidere a breve, secondo quanto riferisce Bloomberg citando una fonte “a conoscenza della vicenda”, se le soluzioni proposte siano adeguate.

PRONTI AD ADEGUARE ANCHE DIESEL IN CIRCOLAZIONESergio Marchionne, Ceo di Fiat Chrysler Automobiles, ha più volte sottolineato che se l’Epa accetterà le soluzioni proposte per i nuovi modelli 2017, esse potranno essere rapidamente installate anche sui veicoli già circolanti. L’agenzia da parte sua ha ricordato che non è solita commentare le domande di certificazione prima che i veicoli siano introdotti sul mercato. In precedenza alcuni altri produttori come Daimler hanno rinunciato ad ottenere la certificazione delle autorità Usa per i modelli diesel 2017, di fatto rinunciando a tornare sul mercato dei diesel a stelle e strisce.

FEINBERG ALL’OPERA SU TRANSAZIONE – Alcuni media americani avevano già segnalato come il gruppo Fca avesse riavviato la produzione dei modelli diesel a marchio Ram nella fabbrica di Warren, in Michigan, anche se solo per un numero estremamente limitato di esemplari (meno di due dozzine). In settimana il giudice federale Edward Chen ha inoltre nominato Ken Feinberg, l’avvocato che già partecipò alla definizione della transazione poi accettata da General Motors per chiudere una causa legata al malfunzionamento di alcuni iniettori, perché prenda parte ai negoziati per una eventuale transazione sul dieselgate di Fca.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fca incerta a Piazza Affari, novità per impianti italiani

Dieselgate: Berlino prova a lasciarsi alle spalle lo scandalo

Fiat Chrysler Automobiles: 5 miliardi per Magneti Marelli sono pochi

NEWSLETTER
Iscriviti
X