Da 22,4 a 0,4 euro: l’amara storia di Mps in borsa

A
A
A

Si torna a parlare di aumento di capitale per Mps e il titolo cade. Ma i problemi per Siena datano al 2008: da allora sono stati bruciati 15 miliardi di euro di capitalizzazione

Luca Spoldi di Luca Spoldi30 gennaio 2015 | 13:14

TUTTO NACQUE NEL 2008 – In principio fu l’aumento di capitale da 5 miliardi di euro lanciato da Mps nel 2008 (per rilevare Antonveneta da Banco Santander), a fronte di una capitalizzazione ex-ante di 5 miliardi di euro. Poi arrivò il crack Lehman Brothers e la festa finì bruscamente, con lo stato chiamato in soccorso che sottoscrisse 2 miliardi di “Tremonti bond” per iniettare mezzi freschi. Successive svalutazioni richiesero nel 2011 il lancio di una nuova ricapitalizzazione per 2,15 miliardi per rimborsare proprio i “Tremonti bond”, che però vennero sostituiti, nel 2012, da 4 miliardi di “Monti bond” (2 miliardi per rimborsare i precedenti titoli, 2 miliardi per rafforzare il capitale della banca).

15 MILIARDI BRUCIATI IN POCHI ANNI – Nel 2014 arriva un nuovo aumento di capitale, inizialmente stimato in 3 miliardi ma poi portato a 5 miliardi per consentire il rimborso per cassa di 3 dei 4 miliardi di “Monti bond”. Infine la previsione di un ulteriore aumento da massimi 2,5 miliardi nel 2015, per ottemperare alle richieste di rafforzamento del capitale emerse dopo gli stress test della Bce e rimborsare i residui “Monti bond”. Ma anche questi potrebbero non bastare e salire a 3-3,5 miliardi. Nel frattempo la capitalizzazione di Mps in borsa è crollata a 2,2 miliardi. Come dire che di 17,15 miliardi di euro di valore tra il 2008 e oggi (quindi non tenendo conto dell’aumento in arrivo nei prossimi mesi) la banca senese ne ha finora bruciati poco meno di 15 miliard: quanto tre anni di Imu sulla prima casa, o un anno e mezzo di bonus da 80 euro per fare un raffronto sia pure improprio.

DAL 2008 A OGGI CALO DEL 98% IN BORSA – Difficile dunque dare torto agli investitori che oggi preferiscono vendere il titolo, temendo appunto un aumento di capitale superiore alle previsioni fin qui formulate e dunque ulteriormente diluitivo. In tarda mattinata Mps, su cui da un paio di giorni è scaduto il divieto di vendita allo scoperto, passa di ano a 40,66 centesimi per azione, con poco meno di 100 milioni di pezzi già scambiati. Nell’ultima settimana le quotazioni sono già calate del 15,65%, da inizio 2014 del 7,66%, sui 12 mesi del 58,29%. Rispetto ai picchi storici di 22,47 euro abbondanti toccati nel maggio 2007, il crollo è stato superiore al 98%. A volte il mercato è un crudele maestro.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, il wealth management le fa ricche

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Ti può anche interessare

Mirabaud Am affida gli investimenti Esg ad Amoura

Amoura, nel suo nuovo ruolo, riporterà a Umberto Boccato, head of investments di Mirabaud AM, e al ...

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Una nuova funzionalità integrata all’interno dell’app Intesa Sanpaolo Mobile ...

Cfds, opzioni binarie e speculazione, Esma entra a gamba tesa

Contract for difference, opzioni binarie e altri prodotti speculativi, l’utilizzo dei poteri di pr ...