Brexit, sterlina tonica in attesa del voto in Parlamento

A
A
A

In serata è atteso il voto del Parlamento britannico sull’accordo per l’uscita dall’Unione europea

Marcello Astorri di Marcello Astorri12 marzo 2019 | 14:26

E’ il giorno della grande attesa in vista del voto della Camera dei Comuni sull’accordo per la Brexit. Lunedì sera la prima ministra britannica, Theresa May, e il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker hanno trovato un accordo su alcune modifiche, non sostanziali, all’accordo su Brexit bocciato lo scorso gennaio dal Parlamento. Il voto è atteso in serata, ma la strada si preannuncia in salita per la premier. Gli occhi sono puntati sulla sterlina: in caso di voto avverso e un’uscita senza accordo dalla Ue, il prossimo 29 marzo, la moneta britannica potrebbe anche perdere fino all’8% del suo valore, secondo le previsioni. Per ora, tuttavia, la sterlina va bene e infatti il cambio euro/sterlina è sceso al minimo da maggio del 2017 a quota 0,86. 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, rinvio indigesto per l’Unione europea

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Brexit News: May promette le dimissioni se si giunge ad un accordo

Brexit: no deal scongiurato, per ora

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

Brexit: ora la strada è il rinvio

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

Ti può anche interessare

Draghi: nubi sull’Europa

Pesano ancora i conflitti commerciali, la Brexit e l'andamento del mercato automobilistico tedesco ...

Allarme Ocse: l’Italia non cresce e il debito aumenta

L'organizzazione parigina ha ritoccato a 0 la crescita per l'Italia nel 2019, dal -0,2% previsto a m ...

Italia, il settore produttivo storce il naso

Il settore manifatturiero italiano sta perdendo la fiducia. Lo registra un’indagine di Markit, ...