Guerra dei dazi, la Cina al contropiede

A
A
A
Roberta Maddalena di Roberta Maddalena 13 Maggio 2019 | 10:47
Ancora aria di bufera per il negoziato commerciale tra Stati Uniti e Cina e la situazione si è riflessa sulle Borse europee, in calo in avvio di seduta.

 

Ancora aria di bufera per il negoziato commerciale tra Stati Uniti e Cina. All’indomani dalla decisione di Trump di aumentare i dazi, il presidente americano si è rivolto alla Cina con un messaggio che ha tutte le caratteristiche di un ultimatum: “Pechino deve chiudere un accordo commerciale con gli Stati senza aspettare le prossime elezioni americane o sarà molto peggio”.

Una situazione che, naturalmente, si è riflessa sulle Borse europee, in calo in avvio di seduta. E se il dollaro sta recuperando terreno contro lo yen dopo che Trump ha dichiarato che i colloqui commerciali con Pechino proseguiranno, le speranze di un esito positivo dell’ultimo round di negoziati hanno portato alcuni investitori ad allontanarsi dallo yen. Mentre a Piazza Affari l’indice Ftse Mib scende dello 0,28% a quota 20.815 punti, lo spread tra Btp e Bund tedeschi si allarga a quota 276 punti.

Pechino ha un ruolo fondamentale nel finanziamento del deficit americano e potrebbe ricorrere anche all’opzione nucleare.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Dazi, gli Usa trattano la revoca su 112 miliardi di merci cinesi

Dazi, l’Italia chiede la grazia

Brexit e guerra dei dazi frenano i mercati

Ti può anche interessare

Bond e mercati, la difficile ricerca del valore sui mercati emergenti

Con la graduale ripresa dell’economia globale, le prospettive di crescita nei Mercati Emergenti st ...

Crédit Agricole cambia la sua rete e punta sulla consulenza

La riorganizzazione delle filiali e del lavoro dei dipendenti è stata illustrata ai sindacati dalla ...

Oro, avanti tutta con la strategia di zio Paperone

Miglior performance da nove anni per il metallo giallo, che nel 2019 ha avuto rendimenti superiori a ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X