Guerra dei dazi, la Cina al contropiede

A
A
A

Ancora aria di bufera per il negoziato commerciale tra Stati Uniti e Cina e la situazione si è riflessa sulle Borse europee, in calo in avvio di seduta.

Roberta Maddalena di Roberta Maddalena13 maggio 2019 | 10:47

 

Ancora aria di bufera per il negoziato commerciale tra Stati Uniti e Cina. All’indomani dalla decisione di Trump di aumentare i dazi, il presidente americano si è rivolto alla Cina con un messaggio che ha tutte le caratteristiche di un ultimatum: “Pechino deve chiudere un accordo commerciale con gli Stati senza aspettare le prossime elezioni americane o sarà molto peggio”.

Una situazione che, naturalmente, si è riflessa sulle Borse europee, in calo in avvio di seduta. E se il dollaro sta recuperando terreno contro lo yen dopo che Trump ha dichiarato che i colloqui commerciali con Pechino proseguiranno, le speranze di un esito positivo dell’ultimo round di negoziati hanno portato alcuni investitori ad allontanarsi dallo yen. Mentre a Piazza Affari l’indice Ftse Mib scende dello 0,28% a quota 20.815 punti, lo spread tra Btp e Bund tedeschi si allarga a quota 276 punti.

Pechino ha un ruolo fondamentale nel finanziamento del deficit americano e potrebbe ricorrere anche all’opzione nucleare.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Cina, dazi per 75 miliardi sui prodotti USA. Borse in calo

Dazi, Wall Street festeggia la tregua

Guerra dazi, la Cina gioca sui cambi

Ti può anche interessare

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Ora tutte le ipotesi sono plausibili: dall'addio all'Europa senza accordo, all'avvento di un secondo ...

Widiba alla bolognese

Prosegue il processo di crescita di Widiba. I consulenti finanziari della rete inaugurano i nuovi ...

Bitcoin, adesso è crisi nera

Criptovalute in evidente difficoltà ...