Pensioni, arriva la stangata sopra i 100mila euro

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri23 maggio 2019 | 10:46

Da giugno scattano le sforbiciate alle pensioni superiori a 100mila euro lordi l’anno. E’ la tagliola prevista dall’ultima legge di bilancio. Le percentuali di decurtazione possono arrivare fino al 40%: in pratica, per tutti la parte dell’assegno che arriva fino a 100mila euro non viene toccata, il prelievo avviene invece sulla porzione che eccede il tetto stabilito dal governo. Quindi fino a 130mila euro il taglio sarà del 15 per cento, del 25 per cento fino a 200mila, per arrivare al 40 per cento sulla quota che supera il mezzo milione di euro.

Saranno invece escluse dal taglio, riferisce l’Inps, le varie forme di pensione d’invalidità, anche quelle che risultano dal cumulo con casse private. Come riporta il Messaggero, la Confederazione sindacale dei dirigenti ha già fatto ricorso contro la decisione del governo: la questione dei tagli potrebbe arrivare anche di fronte alla Corte costituzionale, che a quel punto dovrebbe pronunciarsi sulla legittimità del taglio alle pensioni.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Enasarco: lo sconsolato (e arrabbiato) esercito dei senza pensione

Inps, allarme pensioni

Pensioni: riscatto contributi Inps dei periodi scoperti, come funziona

Ti può anche interessare

Il “buy” del consulente – 02/10/18, da Mediobanca a Saipem

I consigli giusti in diretta da Piazza Affari ...

Consulenti e fattura elettronica, la guida definitiva

A cura di Stefano Loconte. Dal 1° gennaio 2019 i titolari di partita Iva, fatta eccezione per alcun ...

Nexi, via libera Consob alla maxi ipo

Nel primo giorno di collocamento, le richieste di azioni Nexi da parte degli investitori hanno già ...