Pagamenti, all’Italia piace ancora il contante

A
A
A
di Marcello Astorri 13 Giugno 2019 | 10:14
Il contante spopola al Centro-Sud e nelle regioni del Nord a statuto speciale: qui il rischio riciclaggio è più elevato

Agli italiani piace ancora pagare in contante. In base a una ricerca del Tesoro, riportata da Il Sole 24 Ore, nel nostro paese le transazioni portate a termine con le banconote sono l’86% del totale. Un dato che proietta l’Italia al primo posto nella classifica dell’Unione europea, dove la media è comunque elevata e si attesta al 79%. La regione italiana dove si registra la percentuale più alta è la Calabria, dove il contante è utilizzato nel 94% dei casi. Seguono, con un dato simile, altre regioni del Centro-Sud come Abruzzo, Molise e Campania.

L’utilizzo elevato del contante è uno dei fattori principali che alimentano il rischio riciclaggio. La mappa riportata da Il Sole 24 Ore vede un elevato rischio in diverse regioni del Centro-Sud, ma anche al Nord, nelle regioni con autonomie speciali come il Trentino e la Valle d’Aosta, dove la tentazione del riciclaggio è favorita anche dalla vicinanza dei confini. Infatti, non è solo la Svizzera a rappresentare un polo d’attrazione, ma anche Austria, Slovenia e Croazia.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bancomat, il trend: diminuzione sportelli in tutta Italia

Il Covid-19 segnerà l’inizio della fine per i contanti? L’analisi di Schroders

Bankitalia, stretta sul contante

NEWSLETTER
Iscriviti
X