Pagamenti, all’Italia piace ancora il contante

A
A
A

Il contante spopola al Centro-Sud e nelle regioni del Nord a statuto speciale: qui il rischio riciclaggio è più elevato

Marcello Astorri di Marcello Astorri13 giugno 2019 | 10:14

Agli italiani piace ancora pagare in contante. In base a una ricerca del Tesoro, riportata da Il Sole 24 Ore, nel nostro paese le transazioni portate a termine con le banconote sono l’86% del totale. Un dato che proietta l’Italia al primo posto nella classifica dell’Unione europea, dove la media è comunque elevata e si attesta al 79%. La regione italiana dove si registra la percentuale più alta è la Calabria, dove il contante è utilizzato nel 94% dei casi. Seguono, con un dato simile, altre regioni del Centro-Sud come Abruzzo, Molise e Campania.

L’utilizzo elevato del contante è uno dei fattori principali che alimentano il rischio riciclaggio. La mappa riportata da Il Sole 24 Ore vede un elevato rischio in diverse regioni del Centro-Sud, ma anche al Nord, nelle regioni con autonomie speciali come il Trentino e la Valle d’Aosta, dove la tentazione del riciclaggio è favorita anche dalla vicinanza dei confini. Infatti, non è solo la Svizzera a rappresentare un polo d’attrazione, ma anche Austria, Slovenia e Croazia.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bankitalia, stretta sul contante

Ti può anche interessare

La gufata del venerdì: la Lagarde si auto-gufa

La nuova presidente della Bce ha scelto la figura del gufo come immagine per identificare l’inizio ...

Conti pubblici, continua il pressing Ue sull’Italia

“All’Italia serve una manovra correttiva”. Non è stato tenero il vicepresidente d ...

Germania, goodbye austerity

La Germania potrebbe dire addio alla politica di austerità, valutando per una vera e propria invers ...