Consulenza, addio al profeta del termine “disruptive”

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia29 gennaio 2020 | 14:36

Il termine “disruptive” è ormai entrato nel linguaggio economico contemporaneo e il mondo della consulenza finanziaria e del risparmio gestito non è da meno.

La parola è stata coniata nel 1995 dal professore ed economista Clayton Christensen, il quale purtroppo qualche giorno fa, precisamente il 23 febbraio scorso, all’età di 67 anni ha esalato il suo ultimo respiro a causa di un cancro che lo affliggeva da tempo.

Autore di numerosi libri e migliaia di articoli, Christensen era nato il 6 aprile del 1952 nei sobborghi di Salt Lake City, aveva conseguito la laurea alla Brigham Young University, un master a Oxford e un Mba e un dottorato ad Harvard. Ex giocatore di basket, Christensen è stato inserito tra i Thinkers50 per più anni consecutivi  e il “The Innovator’s Dilemma”, dove viene spiegata la sua teoria dell’innovazione dirompente, venne definito dall’Economist come uno dei sei libri più importanti sul business mai pubblicati.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Draghi, l’ultimo ruggito: tasso depositi a -0,50%, torna il Qe

La Banca Centrale Europea taglia tasso su depositi a -0,50% dal precedente -0,40%. Invariati il tass ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 25/06/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento com ...

Fineco, pioggia di fondi in Gran Bretagna

Intervista del top manager Paolo Di Grazia alla testata britannica Private Banker International. “ ...