I dazi Usa colpiscono liquori e cordial italiani tassati al 25%

A
A
A
di Stefano Fossati 3 Ottobre 2019 | 14:30

Il vino italiano è salvo. Ma liquori e cordial del nostro Paese sono stati colpiti pesantemente. Donald Trump ha dato seguito solo parzialmente alle sue minacce colpendo selettivamente le bevande spiritose provenienti dall’Europa: e ha deciso di colpire anche quelle dell’Italia. Dal 18 ottobre i dazi verranno posti su liquori e cordial del nostro Paese, con pesanti ripercussioni sugli sbocchi internazionali e quindi sulla tenuta del settore.

“Il mercato americano rappresenta un mercato in grande espansione per i nostri spiriti” ha dichiarato Sandro Boscaini, Presidente di Federvini. “Basti pensare che tra il 2017 e il 2018 l’export in USA è cresciuto di circa il 45%. Un mercato che ogni anno dimostra di apprezzare sempre di più i nostri prodotti, fatti di cultura, storia e tradizione”.

Secondo Federvini, i dazi freneranno in maniera netta tutto il settore, oggi sempre più votato ai mercati esteri.

“Auspichiamo – ha proseguito Boscaini – che vengano immediatamente riprese le trattative a favore del commercio libero, per un mercato trasparente che premi la qualità”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Usa, le nuove tariffe sulle importazioni di cognac impattano su Campari e Lvmh

Dazi Usa, Masi: “Pesano sul made in Italy mentre la competizione extra Ue è sempre più aggressiva”

Tra tensioni politiche e dazi Usa i mercati cercano un equilibrio

NEWSLETTER
Iscriviti
X