Asset allocation: allarme sulle obbligazioni

A
A
A
di Redazione 26 Novembre 2021 | 14:01

È il momento di essere prudenti, poiché il mercato obbligazionario registra un rapido aumento dei tassi d’interesse in mezzo a forti pressioni inflazionistiche e politiche monetarie aggressive. Finora, gli asset rischiosi hanno sofferto a causa di un aumento dei tassi di interesse. Tuttavia, le cose possono rapidamente volgere al peggio quando gli spread inizieranno ad allargarsi a causa delle condizioni finanziarie più rigide”. L’avvertimento arriva da Althea Spinozzi, Senior Fixed Income di BG Saxo, che di seguito spiega nel dettaglio la view.

Mentre la Federal Reserve si prepara ad aumentare i tassi d’interesse, ci aspettiamo che i tassi di breakeven scendano e che i rendimenti reali accelerino il loro aumento, costituendo una minaccia per gli asset rischiosi. Anche i rendimenti nominali continueranno a salire, dato che puntano già a livelli molto più alti per quest’anno. Considerata la volatilità del mercato, non escludiamo di vedere i rendimenti TIPS a 10 anni salire allo -0,5% e quelli nominali a 10 anni al 2% entro la fine dell’anno.

Gli investitori dovrebbero iniziare a preoccuparsi dei loro investimenti, dal momento che i rendimenti del Tesoro USA si stanno muovendo più in alto, trascinando con loro i crediti a basso rating. HYG, l’iShares iBoxx High Yield Corporate Bond ETF, ha rotto un livello di supporto chiave a 86.5. Le medie mobili stanno tutte scendendo, questo è un segnale che l’ETF potrebbe cadere ulteriormente. Una volta rotta la debole linea di supporto a 85.7, l’ETF probabilmente continuerà la sua caduta fino a 84.8. 

Meglio non saltare alle conclusioni

L’attuale calo di HYG e JNK (lo SPDR Bloomberg High Yield Bond ETF) è stato guidato interamente dal recente aumento dei rendimenti. Infatti, mentre il rendimento medio al peggio delle obbligazioni corporate junk statunitensi è salito al 4,6%, il livello più alto dal dicembre 2020, il loro Option Adjusted Spread (OAS) rimane intorno ai 300bps. Questo è in linea con il livello visto prima della crisi finanziaria globale del 2008. Ciò significa che il JNK e l’HYG stanno scendendo a causa di un aumento dei tassi di interesse e non perché ci sono segni di sofferenza nello spazio delle obbligazioni societarie più deboli. Mentre con le obbligazioni individuali si può mitigare il rischio di aumento dei tassi di interesse tenendo l’obbligazione fino alla scadenza, è impossibile farlo con gli ETF perché non c’è una data di scadenza per questi prodotti. Questo evidenzia che, in un clima di alta inflazione e aumento dei tassi di interesse, è essenziale cercare rendimenti eliminando il più possibile la durata. Le  obbligazioni junk possono provvedere a questo, ma è fondamentale essere preparati a tenere queste obbligazioni fino alla scadenza.

Il problema è che più i rendimenti del Tesoro USA salgono, più la pressione sarà applicata alle obbligazioni più deboli, causando in ultima analisi l’allargamento degli spread di credito. A quel punto, sarà troppo tardi per gli asset rischiosi, poiché la volatilità diventerà endemica sia nel mercato obbligazionario che in quello azionario.

Un modo per sapere quando potremmo affrontare un ampio sell-off è monitorare i rendimenti reali. Più velocemente salgono, più velocemente le condizioni di finanziamento si stanno restringendo per lo spazio aziendale. I rendimenti reali rimangono ben al di sotto dello zero. Tuttavia, mentre la Federal Reserve si prepara a tagliare i sostegni all’economia, possiamo aspettarci che i tassi breakeven scendano e che i rendimenti nominali aumentino, accelerando l’aumento dei rendimenti reali. Questo potrebbe provocare un profondo sell-off, non solo all’interno dello spazio delle obbligazioni spazzatura, ma anche nei titoli ad alta duration, come quelli tecnologici. Questo è quello che è successo durante il Taper Tantrum nel 2013.

Pertanto, è fondamentale monitorare i movimenti dei rendimenti reali e nominali. Di seguito, evidenzieremo alcuni livelli critici.

Rendimenti reali

I TIPS decennali hanno negoziato in un range di valori da agosto. Tuttavia, se rompono sopra la loro linea di tendenza discendente, probabilmente saliranno per testare la resistenza a -0,70%. Se i rialzi dei tassi di interesse accelerano entro la fine dell’anno, possiamo aspettarci che i rendimenti reali salgano a -0,50%. In parte, le valutazioni continueranno ad essere sostenute da rendimenti reali negativi. Tuttavia, il repricing sarà inevitabile a causa del rapido aumento dei rendimenti reali.

Rendimenti nominali

I Treasury decennali statunitensi continuano ad avere trend rialzista. Tuttavia, ci aspettiamo che rimangano sotto controllo fino a quando la crisi del tetto del debito non sarà risolta, in quanto saranno il rifugio sicuro in mezzo alla volatilità dei mercati monetari. A quel punto, è probabile che superino l’1,75% e continuino a salire fino al 2% tra le pressioni inflazionistiche e le politiche monetarie più aggressive.


Anche i rendimenti a cinque anni continuano ad avere una tendenza al rialzo verso l’1,50%.


I rendimenti a due anni probabilmente accelereranno la crescita mentre il mercato valuta ulterioriaumenti dei tassi di interesse. I rendimenti hanno rotto la resistenza allo 0,55%, e potrebbero arrivare velocemente all’1%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: negli Usa aumentano le preoccupazioni sulla ripresa

Allarme banche, a rischio il 25% dei ricavi

NEWSLETTER
Iscriviti
X